Juve
Home page Juve Juve 2020-2021 Juve Articoli Juve Archivio/statistiche Juve Storia Juve Fanzone Juve Italia1910.com Juve Serie A Juve Contatti
Sondaggio
Ronaldo e Dybala, 100 gol per uno. Chi terresti l’anno prossimo? (di Beppe 1973)
Entrambi
Dybala
Ronaldo
Nessuno


Mostra i risultati
Tutti i sondaggi Juve Proponi sondaggio
Juve
Cerca un giocatore
Classifica campionato di Serie A
Squadra Pti Squadra Pti
Inter 88 Bologna 40
Milan 75 Udinese 40
Atalanta 75 Fiorentina 39
Napoli 73 Genoa 39
JUVENTUS 72 Cagliari 36
Lazio 67 Torino 35
Roma 58 Spezia 35
Sassuolo 56 Benevento 31
Sampdoria 46 Crotone 21
Verona 43 Parma 20
Classifica completa, risultati, calendario
Le prossime gare in calendario
Data/Ora Cmp Partita
15.05 18:00 A Juventus-Inter
19.05 21:00 Ita Atalanta-Juventus
23.05 20:45 A Bologna-Juventus
       
       
       
       
       
       
       
Calendario completo
Tutte le partite ufficiali della stagione
G. Pti Vit Par Sco Fat Sub  
25 57 18 3 4 52 23 C
23 43 12 7 4 45 23 F
1 3 1 0 0 2 0 N
49 103 31 10 8 99 46 T
Ultime 10 gare ufficiali
Data Cmp Partita Ris
21.03 A Juventus-Benevento 0-1
03.04 A Torino-Juventus 2-2
07.04 A Juventus-Napoli 2-1
11.04 A Juventus-Genoa 3-1
18.04 A Atalanta-Juventus 1-0
21.04 A Juventus-Parma 3-1
25.04 A Fiorentina-Juventus 1-1
02.05 A Udinese-Juventus 1-2
09.05 A Juventus-Milan 0-3
12.05 A Sassuolo-Juventus 1-3
Punti 17 - Vinte 5 - Pari 2 - Perse 3
Gol fatti 16 - Gol subiti 13 - Vedi tabellini
Tutte le partite ufficiali della stagione
M Giocatore Pre Min Pan Gol
25 Rabiot 1 44 2984 15 4
44 Kulusevski 44 2509 23 6
13 Danilo 43 3584 9 1
30 Bentancur 43 3040 9 -
14 McKennie 43 2248 21 6
7 Ronaldo 42 3591 3 35
9 Morata 1 42 2711 14 18
22 Chiesa 1 40 2724 8 12
33 Bernardeschi 38 1426 31 -
16 Cuadrado 1 37 2813 6 -
1 Szczesny 36 3270 13 -38
4 De Ligt 33 2760 5 1
19 Bonucci 33 2627 11 2
12 Alex Sandro 32 2365 8 2
5 Arthur 31 1681 22 1
8 Ramsey 30 1544 21 2
10 Dybala 24 1257 14 5
28 Demiral 1 23 1643 16 -
3 Chiellini 22 1547 13 -
38 Frabotta 17 768 36 1
77 Buffon 13 1200 30 -8
36 Di Pardo 5 56 22 -
37 Dragusin 4 232 30 -
39 Portanova 3 147 21 -
41 Fagioli 2 107 20 -
11 Douglas Costa 2 40 2 -
52 Wesley 1 88 - -
50 Rafia 1 43 4 1
2 De Sciglio 1 23 2 -
34 Da Graca 1 7 10 -
53 Felix Correia 1 5 7 -
40 Vrioni 1 1 6 -
31 Pinsoglio 1 0 - 48 -
51 Peeters 0 - 10 -
45 Israel 0 - 4 -
58 Aké 0 - 3 -
42 Garofani 0 - 3 -
56 Ranocchia 0 - 3 -
55 Capellini 0 - 2 -
59 De Marino 0 - 2 -
47 Riccio 0 - 2 -
24 Rugani 0 - 2 -
35 De Winter 0 - 1 -
57 Marques 0 - 1 -
41 Nicolussi 0 - 1 -
6 Khedira 0 - - -
17 Pellegrini L. 0 - - -
20 Pjaca 0 - - -
Contributo reparti in fase realizzativa
Difesa 7 - Centrocampo 31 - Attacco 59
Altre statistiche
Giocatori utilizzati 32 (almeno 1 pres.)
Giocatori in gol 15 (46,88%)
Rigori segnati 11 - Sbagliati 1 - Parati 3
Ammonizioni 107 (19 giocatori)
Espulsioni 6 (6 giocatori)
Tutte le statistiche
La Juventus dal 1900 ad oggi
Gare ufficiali   Serie A
4.409 Giocate 2.960
2.416 (54,80%) Vittorie 1.630 (55,07%)
1.130 (25,63%) Pareggi 800 (27,03%)
863 (19,57%) Sconfitte 530 (17,91%)
7.929 Fatti 5.183
4.300 Subiti 2.799
C. Europee   Era 3 pti (uff.)
486 Giocate 1.387
269 (55,35%) Vittorie 835 (60,20%)
108 (22,22%) Pareggi 327 (23,58%)
109 (22,43%) Sconfitte 225 (16,22%)
833 Fatti 2.472
439 Subiti 1.219
Tutti i numeri della Juventus
Top 10 - All Time (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
705 Del Piero 290 Del Piero
684 Buffon 179 Boniperti G.
552 Scirea 178 Bettega R.
532 Chiellini 171 Trezeguet
528 Furino 167 Sivori
482 Bettega R. 158 Borel F.
476 Zoff 130 Anastasi
459 Boniperti G. 124 Hansen J.
450 Salvadore 115 Baggio R.
447 Causio 113 Munerati
Classifiche complete
Top 10 - Rosa attuale (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
684 Buffon 100 Ronaldo
532 Chiellini 100 Dybala
440 Bonucci 45 Morata
252 Dybala 36 Chiellini
230 Alex Sandro 28 Bonucci
219 Cuadrado 17 Cuadrado
153 Bentancur 13 Alex Sandro
146 Bernardeschi 12 Chiesa
135 Morata 10 Bernardeschi
135 Szczesny 6 Kulusevski
Classifiche complete
Juve
Tutti gli articoli dell'autore Juve Tutti gli articoli Juve Articoli/storia Juve Tutti gli autori
Pubblicato il 19.04.2021
Il punto di lunedì 19 aprile
di Antonio La Rosa
Superlega, era ora!



Probabilmente devo delle scuse alla nostra dirigenza, per essermi lamentato palesemente del loro silenzio, in una stagione corredata da nuovi linciaggi mediatici ed arbitraggi pilotati, che comunque non devono essere uniche giustificazioni di una stagione deludente.

E lo dico perché evidentemente già nella testa di Andrea Agnelli & C. era ormai matura l’idea che fare battaglie all’interno di questo calcio nostrano, in mano a mediocri mandarini padroni di consensi numerici di servetti incapaci, o sperare di dare una svolta anche al rapporto con i faziosissimi media nazionali, più che battaglia persa, fosse battaglia inutile.

Oggi la notizia ufficiale è la nascita della Superlega, che sta mandando fuori dai gangheri dirigenti calcistici, giornalisti, opinionisti, politicanti e quant’altro.

Cosa che mi fa divertire un mondo, al punto da avere quasi dimenticato la sconfitta di ieri a Bergamo.

Sulla vicenda potrei scrivere molto, ma credo che l’intervento migliore, che gira in rete su social, è quello di una amica, 100% gobba che più gobba non si può, Giusy Fiorito.

Eccovelo, io non avrei potuto scrivere di più e di meglio:



*******



La Superlega e il populismo del pallone



di Giusy Fiorito



Sarà la JP Morgan a finanziare l’avvio della Superlega: “I club fondatori riceveranno un contributo una tantum pari a 3,5 miliardi di euro a supporto dei loro piani d’investimento in infrastrutture e per bilanciare l’impatto della pandemia Covid-19”.

I Club fondatori sono 12: Milan, Arsenal, Atlético Madrid, Chelsea, Barcellona. Inter, Juventus, Liverpool, Manchester City, Manchester United, Real Madrid, Tottenham. Si calcola che dovrebbero arrivare a 20, forse addirittura a 32, con 5 club in entrata e in uscita per ogni campionato disputato.

La formula dovrebbe essere vicina ai play off, articolarsi in 2 o più gironi da 10 squadre, con match di andata e ritorno, con le prime 3 di ogni girone che accedono ai quarti di finale e la quarta e la quinta classificata dei 2 gruppi che si giocano gli ultimi 2 posti per la fase a eliminazione diretta. Quindi i quarti di finale, le semifinali e la finale in gara unica in campo neutro.

La UEFA e la FIFA si sono dichiarate ostili e fioccano minacce di ritorsione, con esclusione da campionati e coppe, alle quali i club fondatori rispondono giudicandole illegali e presentando istanza ai tribunali competenti in conformità con le leggi.

Il nodo centrale è quello dei soldi. La levata di scudi contro la Superlega non viene solo da FIFA e UEFA, ma vede accomunati esponenti delle più varie tifoserie con rappresentanti della politica e esponenti delle istituzioni del calcio, improvvisati difensori della sportività e del diritto di tutti a competere.

Un populismo del pallone ipocrita, perché da tempo UEFA e FIFA hanno venduto corpo e anima al diavolo e ai soldi degli arabi. Non a caso tra i 12 club fondatori spicca l’assenza del PSG.

La mannaia del fair play finanziario ha graziato i club legati ai finanziatori arabi, rei di aver trasgredito abbondantemente con aiuti di stato malcelati le regole, per non parlare dell’organizzazione dei mondiali di calcio del Qatar, viziati dalla corruzione per aver comprato il voto delle federazioni africane e dal grido di dolore di centinaia di lavoratori morti di stenti nel deserto durante la costruzione degli stadi. Uno scandalo noto già da 5 o 6 anni, perciò è tardi per fare retorica.

Anche in Italia, paese nel quale sappiamo bene che l’onestà e l’etica sono stati e sono solo il mezzo per togliere di mezzo la Juventus, come è avvenuto nel 2006.

E’ inutile girarci attorno. La corsa a imbastire già dal prossimo anno il primo campionato di Superlega ha subito un’accelerazione a causa della pandemia. Si è quantificato in 4 miliardi il danno subito dal calcio e urge correre ai ripari.

E’ legittimo pensare che qualcosa debba essere fatto per incrementare i guadagni e dare nuovo impulso al settore, per ripianare i debiti e guardare al futuro con la speranza di salvare il calcio, altro che di farlo morire.

In che senso il calcio è di tutti? Tutti sono liberi di giocare, ma a portare il pallone non possono essere sempre gli stessi.

Chi può contare su un bacino di utenza maggiore deve salvaguardare i suoi interessi, soprattutto se in patria non fa che subire agguati, conditi di regole trasgredite e trattamenti di favore per le avversarie.

Se per il Milan e l’Inter i soldi di JMorgan rappresentano una boccata di ossigeno alla quale non possono non rinunciare, per la Juventus la Superlega rappresenta anche l’uscita dall’assedio infinito dell’antijuventinismo militante.

La stampa italica attacca la sola Juventus, attribuendole l’intera paternità della Superlega, quando Milan e Inter sono anch’essi club fondatori.

I tifosi bianconeri temono di non riuscire a reggere l’urto con il Real Madrid o il Manchester U, di vedere la Juventus ridotta a Cenerentola d’Europa. Ma il gioco vale la candela.

La Juventus ha una tifoseria sterminata, che merita di vedere investiti nella Juventus i soldi che tira fuori per seguire in televisione le partite della Juventus.

I fondi che JMorrison farebbe arrivare ai club di Superlega è previsto siano resi attraverso i guadagni derivati dai diritti televisivi e secondo alcune ipotesi la Superlega potrebbe addirittura autogestirli.

Darwin ci ha insegnato che non è l’ambiente a adattarsi agli esseri viventi, ma il contrario. Dal mondo greco abbiamo imparato che la parola crisi può avere anche un significato positivo. L’evoluzione, il cambiamento, fanno parte della vita. Chi non ne è capace è destinato a soccombere.



*******



Da dove ripartire



La notizia del giorno ha fatto passare in secondo piano il resto, il campionato, la sconfitta a Bergamo, e così un lunedì che si presentava calcisticamente nefasto, è divenuto un giorno bellissimo.

Ma occorre anche tornare alla realtà stagionale, per cui di questa sconfitta occorre parlarne comunque.

Non tutti i mali vengono per nuocere, provo a vedere le lezioni da trarre dalla partita odierna, che comunque abbiamo perso per un episodio sfortunato, evoluzione di un fischio arbitrale in malafede (pallone recuperato in maniera pulita, e inizio di contropiede in superiorità numerica), in una partita nella quale come solito i bergamaschi hanno fatto la loro solita caccia all'uomo impunita.

La partita di ieri a mio giudizio, ci ha spiegato alcune cose, che dovranno essere la base dalla quale ripartire il prossimo anno:

- giocare bene è un luogo comune privo di significato, perchè se giochi bene, vinci i contrasti, sviluppi azioni su azioni con trame rapide e in verticale, ma alla fine non hai chi realizza i gol e vanifica il lavoro fatto dalla squadra, del "bel gioco” non te ne fai nulla;

- se giochi bene, non hai attaccanti che tirano a rete e concretizzano, devi almeno avere centrocampisti che al tiro ci arrivano, in area si inseriscono negli spazi aperti dai compagni;

- se giochi bene e non segni, anche se impedisci agli avversari di tirare a rete e difendi benissimo, come oggi, basta un tiro sporco deviato, un episodio fortuito qualsiasi, anche all'ultimo minuto di recupero, e finisci con il perdere pur avendo "giocato bene", ed è quanto accaduto ieri.

In altri termini, si è visto che questa squadra senza Cristiano Ronaldo, magari sarà più piacevole da vedere manovrare, ma è totalmente sterile, dato che Morata dopo l'inizio eccellente, sembra essersi smarrito o, per dirla come un amico, trasformato nel Pacione di antica memoria, Dybala non è ancora il Dybala che si ricordava lo scorso anno o nel passato, e non hai alternative offensive, al punto che uno dei due lo devi sostituire con Kulusevsky, che attaccante non è, anzi sarebbe l'unico centrocampista in grado di potersi inserire al tiro sugli spazi aperti dagli attaccanti.

Questione centrocampo: non mi sento di criticare il lavoro fatto da Mc Kennie, Bentancur, Rabiot, hanno lavorato quantità enormi di palloni, direi con buona diligenza e qualità, direi proprio che abbiamo dominato a centrocampo, contro una squadra rognosa, e nonostante l'atteggiamento intimidatorio loro, quasi sempre in anticipo sulle seconde palle e vincenti nei contrasti, solo che hanno fatto il tipico gioco dei mediani, mai arrivati al tiro, mai inseritisi in area di rigore a rimorchio degli attaccanti, mai a provarci da fuori, il solo Mc Kennie ogni tanto ha fatto i movimenti giusti da mezz'ala d'attacco.

Ultima cosa da evidenziare, ma non ultima: a chi verrà il prossimo anno alla Juventus, ed anche a chi rimarrà, occorrerà far vedere in loop, h24, filmati di gente del passato bianconero, quali Tacconi, Gentile, Morini, Furino, Benetti, Tardelli, Boninsegna, Bettega, Montero, Davids, e in particolare, il trattamento che Benetti riservava ai delinquenti delle squadre avversarie, chiederne lumi a tale Mc Farland e a tale Gallego: non è possibile subire dagli avversari una “fisicità intimidatoria” come ieri, come contro il Porto, e anche in altre occasioni, i tacchetti ogni tanto occorre farli sentire.

Come vedete della partita non ho parlato, ma per chi sa leggere quanto scritto finora, c'è la spiegazione di una sconfitta, che sarà salutare SOLO se le lezioni esposte sopra, saranno comprese da tutti: comunque finisca l'annata, c'è da ricostruire l'attacco, c'è da ripensare al centrocampo, la difesa regge ma è all'osso, per cui abbiamo due vie, o quella della rivoluzione totale e della ripartenza, e così avrebbe senso riconfermare Pirlo, rinunciare a CR7 e in campo ricostruire il parco giocatori d'attacco, innestare almeno due centrocampisti di spessore che colmino le lacune di gioco esposte in precedenza; alternativa per vincere subito, un vero attaccante, ed un fuoriclasse a centrocampo.



E-mail: antonio_larosa{chiocciola}msn.com


Clicca qui per pubblicare il tuo articolo
Juve
Juve
Cerca nel sito
Archivio e statistiche
Juve
Vignette
Ingrandisci
Clicca sulla vignetta per ingrandirla
Juve Juve
Fanzone
Juve Sondaggi
Juve Indice di gradimento
Juve Video Juventus e calcio
Juve Download inni non ufficiali
Juve Tweet di Juve e giocatori
Juve Vignette di Buongiorno
Juve Vignette di Zucaro
Juve Vignette di Steve
Juve Vignette di Bonarober
Juve Wallpapers di Buongiorno
Juve Wallpapers di Steve
Juve Meteo Torino
Juve Meteo Vinovo
Juve Meteo prossima gara Juve
Juve Live score - Risultati in diretta
Accedi alla fanzone
Juve Juve
Juworld.NET è un sito non ufficiale, non autorizzato da o connesso a Juventus FC Spa.
I marchi Juventus e Juve ed il logo Juventus sono di proprietà esclusiva di Juventus FC Spa.
Il link ai siti esterni non implica riconoscimento da parte di Juworld.NET.
Copyright © 2001-2021 Juworld.NET - E' vietata qualsiasi riproduzione parziale o completa se non autorizzata.
Informativa cookies