Juve
Home page Juve Juve 2020-2021 Juve Articoli Juve Archivio/statistiche Juve Storia Juve Fanzone Juve Italia1910.com Juve Serie A Juve Contatti
Sondaggio
Chiellini: "Gli anni passano per tutti, i cicli a volte finiscono...". Siete d’accordo? (di mimmopiazzadipandola e dimas)
Sì. In 123 anni di storia abbiamo vissuto anche tempi di magra
No. La Juve deve sempre puntare a vincere. Una stagione con "zero tituli" è fallimentare


Mostra i risultati
Tutti i sondaggi Juve Proponi sondaggio
Juve
Cerca un giocatore
Classifica campionato di Serie A
Squadra Pti Squadra Pti
Milan 43 Benevento 21
Inter 40 Bologna 20
Napoli 34 Spezia 18
Roma 34 Fiorentina 18
JUVENTUS 33 Udinese 17
Atalanta 33 Genoa 15
Lazio 31 Cagliari 14
Sassuolo 30 Torino 13
Verona 27 Parma 13
Sampdoria 23 Crotone 12
Classifica completa, risultati, calendario
Le prossime gare in calendario
Data/Ora Cmp Partita
24.01 12:30 A Juventus-Bologna
27.01 20:45 Ita Juventus-Spal
30.01 18:00 A Sampdoria-Juventus
06.02 18:00 A Juventus-Roma
13.02 18:00 A Napoli-Juventus
17.02 21:00 ChL Porto-Juventus
22.02 20:45 A Juventus-Crotone
27.02 20:45 A Verona-Juventus
02.03 20:45 A Juventus-Spezia
06.03 20:45 A Juventus-Lazio
Calendario completo
Tutte le partite ufficiali della stagione
G. Pti Vit Par Sco Fat Sub  
12 26 8 2 2 24 13 C
12 25 7 4 1 28 11 F
1 3 1 0 0 2 0 N
25 54 16 6 3 54 24 T
Ultime 10 gare ufficiali
Data Cmp Partita Ris
13.12 A Genoa-Juventus 1-3
16.12 A Juventus-Atalanta 1-1
19.12 A Parma-Juventus 0-4
22.12 A Juventus-Fiorentina 0-3
03.01 A Juventus-Udinese 4-1
06.01 A Milan-Juventus 1-3
10.01 A Juventus-Sassuolo 3-1
13.01 Ita Juventus-Genoa 3-2
17.01 A Inter-Juventus 2-0
20.01 SCI Napoli-Juventus 0-2
Punti 22 - Vinte 7 - Pari 1 - Perse 2
Gol fatti 23 - Gol subiti 12 - Vedi tabellini
Tutte le partite ufficiali della stagione
M Giocatore Pre Min Pan Gol
13 Danilo 24 2020 4 1
30 Bentancur 24 1571 7 -
19 Bonucci 22 1867 2 2
44 Kulusevski 22 1137 14 4
9 Morata 1 21 1475 4 12
25 Rabiot 1 21 1304 10 1
33 Bernardeschi 21 630 19 -
7 Ronaldo 20 1664 2 20
22 Chiesa 1 20 1289 4 5
14 McKennie 20 1120 9 3
1 Szczesny 19 1710 6 -20
16 Cuadrado 1 19 1476 3 -
5 Arthur 18 1027 12 -
8 Ramsey 17 1005 9 1
10 Dybala 16 859 10 3
38 Frabotta 13 629 18 -
4 De Ligt 12 1077 - -
28 Demiral 1 12 840 6 -
12 Alex Sandro 10 662 4 -
3 Chiellini 8 533 5 -
77 Buffon 6 570 15 -4
39 Portanova 3 147 21 -
37 Dragusin 3 142 14 -
11 Douglas Costa 2 40 2 -
52 Wesley 1 88 - -
50 Rafia 1 43 3 1
2 De Sciglio 1 23 2 -
40 Vrioni 1 1 5 -
31 Pinsoglio 1 0 - 24 -
34 Da Graca 0 - 9 -
36 Di Pardo 0 - 6 -
41 Fagioli 0 - 5 -
45 Israel 0 - 3 -
56 Ranocchia 0 - 3 -
42 Garofani 0 - 2 -
51 Peeters 0 - 2 -
47 Riccio 0 - 2 -
24 Rugani 0 - 2 -
55 Capellini 0 - 1 -
35 De Winter 0 - 1 -
53 Felix Correia 0 - 1 -
41 Nicolussi 0 - 1 -
6 Khedira 0 - - -
17 Pellegrini L. 0 - - -
20 Pjaca 0 - - -
Contributo reparti in fase realizzativa
Difesa 3 - Centrocampo 14 - Attacco 36
Altre statistiche
Giocatori utilizzati 28 (almeno 1 pres.)
Giocatori in gol 11 (39,29%)
Rigori segnati 6 - Sbagliati 1 - Parati 0
Ammonizioni 54 (17 giocatori)
Espulsioni 6 (6 giocatori)
Tutte le statistiche
La Juventus dal 1900 ad oggi
Gare ufficiali   Serie A
4.385 Giocate 2.941
2.401 (54,75%) Vittorie 1.618 (55,02%)
1.126 (25,68%) Pareggi 797 (27,10%)
858 (19,57%) Sconfitte 526 (17,89%)
7.884 Fatti 5.148
4.278 Subiti 2.782
C. Europee   Era 3 pti (uff.)
484 Giocate 1.363
268 (55,37%) Vittorie 820 (60,16%)
108 (22,31%) Pareggi 323 (23,70%)
108 (22,31%) Sconfitte 220 (16,14%)
829 Fatti 2.427
435 Subiti 1.197
Tutti i numeri della Juventus
Top 10 - All Time (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
705 Del Piero 290 Del Piero
677 Buffon 179 Boniperti G.
552 Scirea 178 Bettega R.
528 Furino 171 Trezeguet
518 Chiellini 167 Sivori
482 Bettega R. 158 Borel F.
476 Zoff 130 Anastasi
459 Boniperti G. 124 Hansen J.
450 Salvadore 115 Baggio R.
447 Causio 113 Munerati
Classifiche complete
Top 10 - Rosa attuale (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
677 Buffon 98 Dybala
518 Chiellini 85 Ronaldo
429 Bonucci 39 Morata
244 Dybala 36 Chiellini
208 Alex Sandro 28 Bonucci
201 Cuadrado 21 Khedira
145 Khedira 17 Cuadrado
134 Bentancur 11 Alex Sandro
129 Bernardeschi 10 Bernardeschi
118 Szczesny 5 Chiesa
Classifiche complete
Juve
Tutti gli articoli dell'autore Juve Tutti gli articoli Juve Articoli/storia Juve Tutti gli autori
Pubblicato il 30.12.2020
TUTTI GLI UOMINI DEL (NUOVO) DELINQUENTE - II
di Antonio La Rosa
A – quindi devo desumere che De Laurentiis sia in rotta con Gravina.

G – Facciamo un passo indietro: a dire il vero è Gravina che ha rotto gli equilibri che si erano creati in Federazione, ed oggi si assiste al tentativo di restaurazione da parte di coloro che avevano messo le mani sul calcio italiano, che sono invero i responsabili dei problemi del calcio italiano.

A – ti riferisci al cartello che aveva portato Tavecchio alla guida della Federcalcio?

G – certamente. Ricorderai come venne eletto Tavecchio alla presidenza e chi furono gli sponsor dell’operazione.

A – a suo tempo ebbi modo di parlarne sul sito. Fu la prima sconfitta di Andrea Agnelli, che aveva sostenuto in Lega la candidatura di Abodi, come momento di rinnovamento, ed in un primo tempo aveva ottenuto l’adesione delle società del centrosud, Fiorentina, Roma e Napoli, mentre dall’altro lato, a sorpresa, nacque una alleanza tra Galliani, Lotito, Preziosi e Pulvirenti, che puntò alla riconferma di Beretta, ma soprattutto a ridare potere a Galliani, ed invero quest’ultimo eletto vice presidente, fu per anni il vero gestore della Lega.

G – il metodo per acquisire consensi dovresti ricordarlo, venne usata in maniera pesante la giustizia sportiva come arma di ricatto.

A – ricordo pure questo. Periodo della vicenda calcioscommesse, pesantemente coinvolto il Napoli, e tre suoi giocatori, in primo grado squalifica dei tre e penalizzazione del Napoli per responsabilità oggettiva, sentenza poi ribaltata in appello, annullata la penalizzazione, ridimensionata l’accusa verso Paolo Cannavaro, Grava e Gianello.

G – vediamo se hai buona memoria sulla vicenda.

A – certo. Il processo d’appello sul ricorso del Napoli e dei tre calciatori, venne fissato il 17 gennaio 2013, l’elezione di Beretta alla riunione di Lega Serie A del 18 gennaio 2013, con De Laurentiis che ostentò pubblicamente il suo voto a favore di Beretta, facendo il salto della quaglia. Rimasero totalmente fuori dagli accordi, Juventus, Roma e Fiorentina, cosa gravissima, per il bacino che le tre ricoprivano e ricoprono.

G – capirai bene che ancora una volta la giustizia sportiva è stata usata come arma di ricatto o di vendetta. Questo perché, come sai, i componenti gli organi di giustizia sportiva, sono di nomina federale, quindi rispondono più a chi li ha piazzati lì, che a precisi principi di imparzialità. Cosa che ha ben compreso proprio De Laurentiis, che come condizione per l’appoggio a Tavecchio, l’anno successivo, dopo le dimissioni di Abete, a seguito del fallimento ai mondiali di Brasile, chiese ed ottenne la nomina del suo amico Pecoraro a capo della Procura Federale, per subentrare a Stefano Palazzi.

A – questo vorrebbe dire che anche in questa vicenda la giustizia sportiva ha operato più a tutela di interessi di parte, che non per tutelare principi di diritto.

G – non precisamente, anche se i Giudici Sportivi federali hanno applicato le norme vigenti, ma capirai che occorreva difendere soprattutto il valore dei protocolli adottati per poter iniziare la stagione. Il Collegio del CONI ha invece notificato con il suo provvedimento, la dichiarazione ufficiale di guerra di Malagò a Gravina.

A – perché dichiarazione di guerra?

G – evidentemente da ultimo sei stato distratto e non hai posto la giusta attenzione alle ultime evoluzioni delle vicende di Palazzo. Tavecchio aveva costruito un forte gruppo di controllo della Federazione, ed anche della Lega Serie A, gruppo che però è saltato non avendo portato risultati apprezzabili: il calcio italiano è divenuto di retroguardia, la figuraccia della mancata qualificazione ai mondiali 2018, le situazioni drammatiche del calcio dilettantistico e semiprofessionistico, tutte cose che hanno messo a serio rischio l’autonomia della Federazione, già compromessa dopo il 2006, primo forte ingresso della politica e della finanza nel mondo del pallone, ma non per dare qualcosa, bensì per prendersi qualcosa.

A - non torniamoci ancora su quella sciagurata estate, inizio del degrado del nostro calcio: so bene che pur di assassinare qualcuno, si è preferito assassinare anche il movimento sportivo, salvaguardare solo qualche potentato: già la stessa elezione di Abete, dopo il periodo commissariale, era un segnale, il fratello di Luigi Abete, già Aeroporti di Milani, poi BNL, e uomo di collegamento tra finanza milanese e politica, fin dai tempi dei referendum di Mario Segni.

G – adesso però il pericolo è anche più forte, perché ci sono diversi intrecci e lotte di potere, il calcio è una torta notevole, che serviva anche a finanziare lo sport olimpico italiano con il Totocalcio, lo finanzia ancora, ma come sai, gli appetiti vengono mangiando, e poter gestire quella mole di denaro che sono i diritti televisivi, non è cosa da trascurare, specie in un momento nel quale i soldi nello sport cominciano a scarseggiare.

A – d’accordo, ma i diritti televisivi, maggiore introito del calcio, dipendono dalla Lega Serie A.

G – giusto. Però se non puoi immediatamente mettere le mani sulla “capitale”, si può sempre cominciare con l’invasione di territori limitrofi, no?

A – mi sto perdendo adesso …

G – ti ricordi come e perché è stato eletto Gravina presidente della Federcalcio?

A – si, dopo le dimissioni di Tavecchio …

G – ti perdi il passaggio fondamentale. Le dimissioni di Tavecchio furono prodotte dal ritiro della fiducia accordatagli precedentemente dai due presidenti delle leghe minori, la Legapro, cioè Gabriele Gravina, e la Lega Dilettanti, cioè Cosimo Sibilia. Nell’immediato, venne nominato Commissario federale, da parte del presidente del CONI, Malagò, il segretario generale del CONI, Raffaele Fabbricini, il quale, andata pure in crisi la Lega Serie A, ebbe a nominare commissario di Lega … proprio il suo capo, Malagò.

A – che bel conflitto di interessi, il dipendente che nomina il suo capo a Commissario.

G – ma non Commissario di una organizzazione qualsiasi, bensì della più importante in Italia, nel panorama sportivo, la Lega Serie A. Capirai bene che quando il CONI, per via dei suoi due rappresentanti più potenti, mette mani anche temporaneamente nel calcio, sport fino a questo periodo non proprio controllabile dai vertici dello sport nazionale, non avendo necessità di prebende e aiuti, a differenza delle federazioni minori.

A – questo è vero, anche a causa di una regolamentazione assurda, che di fatto rende determinanti i soggetti piccoli a discapito di quelli più grandi e numerosi. E capisco bene che il voto della, che so, Federtamburello, è più facile da conquistare, rispetto a quello della Federcalcio.

G – è sufficiente far avere qualche regalia al momento giusto per averne la fedeltà, lo capisci bene questo.

(2 – continua)


E-mail: antonio_larosa{chiocciola}msn.com


Clicca qui per pubblicare il tuo articolo
Juve
Juve
Cerca nel sito
Archivio e statistiche
Juve
Vignette
Ingrandisci
Clicca sulla vignetta per ingrandirla
Juve Juve
Fanzone
Juve Sondaggi
Juve Indice di gradimento
Juve Video Juventus e calcio
Juve Meteo Torino
Juve Meteo Vinovo
Juve Meteo prossima gara Juve
Juve Live score - Risultati in diretta
Juve Vignette di Buongiorno
Juve Vignette di Zucaro
Juve Vignette di Steve
Juve Vignette di Bonarober
Juve Wallpapers di Buongiorno
Juve Wallpapers di Steve
Juve Download inni non ufficiali
Juve Tweet di Juve e giocatori
Accedi alla fanzone
Juve Juve
Juworld.NET è un sito non ufficiale, non autorizzato da o connesso a Juventus FC Spa.
I marchi Juventus e Juve ed il logo Juventus sono di proprietà esclusiva di Juventus FC Spa.
Il link ai siti esterni non implica riconoscimento da parte di Juworld.NET.
Copyright © 2001-2021 Juworld.NET - E' vietata qualsiasi riproduzione parziale o completa se non autorizzata.
Informativa cookies