Juve
Home page Juve Juve 2020-2021 Juve Articoli Juve Archivio/statistiche Juve Storia Juve Fanzone Juve Italia1910.com Juve Serie A Juve Contatti
Sondaggio
Quale il miglior modulo per la Juventus di Pirlo? (di LuisPepsi, Juve10 e Alessio8206)
3-5-2 con Morata e CR7 davanti e Dybala in panchina
4-4-2 con Dybala e CR7 titolari e Morata prima alternativa
4-2-3-1 a trazione anteriore con Cuadrado (Kulusevski), Dybala (Ramsey) e CR7 (Chiesa) dietro la prima punta Morata
4-3-3 con il tridente pesante Dybala, Morata, CR7
4-3-3 con il tridente leggero Kulusevski, Dybala, CR7


Mostra i risultati
Tutti i sondaggi Juve Proponi sondaggio
Juve
Cerca un giocatore
Classifica campionato di Serie A
Squadra Pti Squadra Pti
Milan 12 Cagliari 7
Napoli (-1) 11 Lazio 7
Sassuolo 11 Benevento 6
Inter 10 Spezia 5
Atalanta 9 Genoa 4
Sampdoria 9 Parma 4
JUVENTUS 9 Bologna 3
Verona 8 Udinese 3
Roma 7 Torino 1
Fiorentina 7 Crotone 1
Classifica completa, risultati, calendario
Le prossime gare in calendario
Data/Ora Cmp Partita
28.10 21:00 ChL Juve-Barcellona
01.11 15:00 A Spezia-Juventus
04.11 21:00 ChL Ferencvaros-Juve
08.11 12:30 A Lazio-Juventus
21.11 20:45 A Juventus-Cagliari
24.11 21:00 ChL Juve-Ferencvaros
28.11 18:00 A Benevento-Juventus
02.12 21:00 ChL Juve-Dinamo Kiev
05.12 18:00 A Juventus-Torino
08.12 21:00 ChL Barcellona-Juve
Calendario completo
Tutte le partite ufficiali della stagione
G. Pti Vit Par Sco Fat Sub  
3 7 2 1 0 7 1 C
3 5 1 2 0 5 3 F
0 0 0 0 0 0 0 N
6 12 3 3 0 12 4 T
Ultime 10 gare ufficiali
Data Cmp Partita Ris
26.07 A Juventus-Sampdoria 2-0
29.07 A Cagliari-Juventus 2-0
01.08 A Juventus-Roma 1-3
07.08 ChL Juve-Olympique Lione 2-1
20.09 A Juventus-Sampdoria 3-0
27.09 A Roma-Juventus 2-2
04.10 A Juventus-Napoli 3-0
17.10 A Crotone-Juventus 1-1
20.10 ChL Dinamo Kiev-Juventus 0-2
25.10 A Juventus-Verona 1-1
Punti 18 - Vinte 5 - Pari 3 - Perse 2
Gol fatti 17 - Gol subiti 10 - Vedi tabellini
Tutte le partite ufficiali della stagione
M Giocatore Pre Min Pan Gol
13 Danilo 5 450 - -
19 Bonucci 5 435 - 1
16 Cuadrado 5 382 1 -
25 Rabiot 1 5 352 1 -
44 Kulusevski 5 321 1 2
1 Szczesny 4 360 1 -3
9 Morata 4 328 - 3
8 Ramsey 4 327 - -
28 Demiral 4 259 3 -
5 Arthur 4 203 3 -
30 Bentancur 4 203 3 -
38 Frabotta 4 177 3 -
3 Chiellini 3 191 1 -
33 Bernardeschi 3 93 2 -
7 Ronaldo 2 180 - 3
22 Chiesa 1 2 150 - -
14 McKennie 2 148 1 -
10 Dybala 2 124 3 -
11 Douglas Costa 2 40 2 -
77 Buffon 1 90 4 -1
39 Portanova 1 56 4 -
2 De Sciglio 1 23 2 -
40 Vrioni 1 1 4 -
31 Pinsoglio 0 - 5 -
51 Peeters 0 - 2 -
50 Rafia 0 - 2 -
24 Rugani 0 - 2 -
41 Nicolussi 0 - 1 -
12 Alex Sandro 0 - - -
4 De Ligt 0 - - -
6 Khedira 0 - - -
17 Pellegrini L. 0 - - -
20 Pjaca 0 - - -
Contributo reparti in fase realizzativa
Difesa 1 - Centrocampo 2 - Attacco 6
Altre statistiche
Giocatori utilizzati 23 (almeno 1 pres.)
Giocatori in gol 4 (17,39%)
Rigori segnati 1 - Sbagliati 0 - Parati 0
Ammonizioni 11 (8 giocatori)
Espulsioni 2 (2 giocatori)
Tutte le statistiche
La Juventus dal 1900 ad oggi
Gare ufficiali   Serie A
4.366 Giocate 2.929
2.388 (54,70%) Vittorie 1.611 (55,00%)
1.123 (25,72%) Pareggi 794 (27,11%)
855 (19,58%) Sconfitte 524 (17,89%)
7.842 Fatti 5.123
4.258 Subiti 2.768
C. Europee   Era 3 pti (uff.)
479 Giocate 1.344
264 (55,11%) Vittorie 807 (60,04%)
108 (22,55%) Pareggi 320 (23,81%)
107 (22,34%) Sconfitte 217 (16,15%)
817 Fatti 2.385
431 Subiti 1.177
Tutti i numeri della Juventus
Top 10 - All Time (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
705 Del Piero 290 Del Piero
672 Buffon 179 Boniperti G.
552 Scirea 178 Bettega R.
528 Furino 171 Trezeguet
513 Chiellini 167 Sivori
482 Bettega R. 158 Borel F.
476 Zoff 130 Anastasi
459 Boniperti G. 124 Hansen J.
450 Salvadore 115 Baggio R.
447 Causio 113 Munerati
Classifiche complete
Top 10 - Rosa attuale (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
672 Buffon 95 Dybala
513 Chiellini 68 Ronaldo
412 Bonucci 36 Chiellini
230 Dybala 30 Morata
198 Alex Sandro 27 Bonucci
187 Cuadrado 21 Khedira
145 Khedira 17 Cuadrado
114 Bentancur 11 Alex Sandro
111 Bernardeschi 10 Bernardeschi
103 Szczesny 4 De Ligt
Classifiche complete
Juve
Tutti gli articoli dell'autore Juve Tutti gli articoli Juve Articoli/storia Juve Tutti gli autori
Pubblicato il 18.10.2020
19 ottobre 1940: muore Umberto Caligaris
di Stefano Bianchi
Ottanta anni fa moriva Umberto Caligaris, da taluno chiamato”Caliga”, per gli amici, “Berto”. Letto oggi, specie dai più giovani, questo nome può dire poco, ma per noi vecchietti innamorati di Juventus è un nome che dice molto. Un nome, tra noi bambini che negli anni di Sivori e Charles ci avvicinavamo all’amore per il calcio e per la Juventus, un nome che faceva parte di una specie di mantra: “Combi, Rosetta, Caligaris”. Combi, portiere, “Viri” Rosetta, terzino destro, “Berto” Caligaris, terzino sinistro: un trio universalmente riconosciuto nella letteratura calcistica come il miglior trio difensivo mai visto fino allora e per molti anni a venire sui campi di calcio. Un trio che, vincendo ben cinque scudetti consecutivi, dal campionato del 1930/31 a quello del 1934/35 (in effetti, Combi si era ritirato un anno prima, sostituito da Valinasso), con Monti, Orsi, Cesarini, Borel II e Ferrari, tra gli altri, contribuì a far nascere il mito della Juventus “Fidanzata d’Italia”. Non solo bianconero per quei tre Assi, ma anche tanto azzurro: in quegli anni Caligaris, con gli altri due e moltissimi altri giocatori bianconeri, conquistò con il bronzo alle Olimpiadi di Amsterdam, due Coppe Internazionali (antenata del campionato europeo) e il Campionato Mondiale del 1934.

Caligaris è nato a Casale Monferrato il 26 luglio 1901, e dopo gli inizi in squadre giovanili (Valentino e Sparta F.C.), tra il 1918 e l’anno seguente vince i campionati casalesi dei cento piani e del salto in lungo, si diploma ragioniere e passa ai nerostellati del FBC Casale, la prestigiosa squadra di calcio della sua città, diventandone capitano due anni dopo. Non se ne ricorda quasi nessuno, ma l’FBC Casale è storia del calcio, parte integrante di quel “Quadrilatero” (assieme a Vercelli, Novara e Alessandria), che molto ha significato e vinto negli anni eroici del pallone. Caligaris è già titolare in Nazionale, quando è chiamato a Torino da Edoardo Agnelli e dal fidato Barone Mazzonis che stanno allestendo la Juventus ed è tra i protagonisti assoluti nella vittoria di quei mitici cinque scudetti consecutivi, tre le stagioni 1930/31 e 1934/35. Uno strano record del nostro campione è che non ha mai marcato una rete nelle centosettantotto presenze collezionate in gare ufficiali. Altro record le cinquantanove presenze in azzurra, primato che resiste per ben quarant’anni.
Caligaris era un ”terzino sinistro catapulta”, uno “spazzatore inesorabile, una valanga che precipita e disorienta”, come scrivevano i giornali del tempo: “davanti a Rosetta evoluiva l’ardente Caligaris, potentissimo battitore volante, celebre per la spaccata (o forbice), così impulsivo che una volta ruppe il cranio a Combi, suo povero e sfortunato portiere”. Giocava col fazzoletto annodato sulla fronte, forse a simboleggiare la fatica, più probabilmente per proteggere la fronte dalle ruvide cuciture dei palloni di allora. Nonostante l’altezza di poco più di uno e settanta, rappresentò il calcio di potenza, integrandosi alla perfezione con il calcio ragionato di Rosetta. E’ una “massa di muscoli dotati d tecnica sopraffina” e “rifiuta gli schemi, non perché sia un anarchico ma semplicemente perché non li concepisce, il calcio per lui è un gioco tanto entusiasmante quanto semplice che si gioca con la palla. Compito fondamentale è quello di sradicare più palloni possibili dai piedi degli avversari, insomma lottare, correre e poi ancora lottare”. Dotato di uno scatto bruciante, era dappertutto, guidato dalla sua generosità, un vero mastino nei riguardi degli avversari, cui non lasciava respiro: recuperato il pallone, spesso si esibiva in lunghi e potenti rilanci a innescare gli avanti che trovavano una difesa avversaria impreparata.

Un addio al grande calcio quasi sincrono, quello di Combi, Rosetta e Caligaris, col nostro “Berto” che dal 1935/36 va al Brescia, per due anni allenatore-giocatore, poi siede sulle panchine di Lucchese, Modena e Juventus. Torna in una Juventus di transizione che sta completando lo svecchiamento, e si vedono già bei giovanotti che, dopo la guerra, riporteranno in auge i nostri colori. Il nostro “Berto”, però, non riesce a terminare il suo secondo anno sulla panchina bianconera. Il diciannove ottobre del 1940 scende in campo in una gara tra vecchie glorie bianconere, ma dopo dieci minuti, rincorrendo un pallone, stramazza al suolo. E’ subito chiaro che il problema è grave, infatti, muore in ospedale quarantacinque minuti dopo: la rottura dell’aneurisma cerebrale gli è fatale. Per ricordare l’uomo e il tipo di calcio che aveva giocato, Pozzo, giornalista e Commissario Tecnico della Nazionale, scrive di lui il giorno seguente un articolo intitolato “Un gladiatore”. Allo Stadium, una delle cinquanta Stelle della “Walk of Fame” è sua.



Clicca qui per pubblicare il tuo articolo
Juve
Juve
Cerca nel sito
Archivio e statistiche
Juve
Vignette
Ingrandisci
Clicca sulla vignetta per ingrandirla
Juve Juve
Fanzone
Juve Sondaggi
Juve Indice di gradimento
Juve Video Juventus e calcio
Juve Meteo Torino
Juve Meteo Vinovo
Juve Meteo prossima gara Juve
Juve Live score - Risultati in diretta
Juve Vignette di Buongiorno
Juve Vignette di Zucaro
Juve Vignette di Steve
Juve Vignette di Bonarober
Juve Vignette di Wiggum
Juve Wallpapers di Buongiorno
Juve Wallpapers di Steve
Juve Wallpapers di Wiggum
Juve Download inni non ufficiali
Juve Tweet di Juve e giocatori
Accedi alla fanzone
Juve Juve
Juworld.NET è un sito non ufficiale, non autorizzato da o connesso a Juventus FC Spa.
I marchi Juventus e Juve ed il logo Juventus sono di proprietà esclusiva di Juventus FC Spa.
Il link ai siti esterni non implica riconoscimento da parte di Juworld.NET.
Copyright © 2001-2020 Juworld.NET - E' vietata qualsiasi riproduzione parziale o completa se non autorizzata.
Informativa cookies