Juve
Home page Juve Juve 2018-2019 Juve Articoli Juve News Juve Archivio/statistiche Juve Storia Juve Fanzone Juve Italia1910.com Juve Serie A Juve Contatti
Sondaggio
Agnelli: "Continuiamo con Allegri". Sei d’accordo con il nostro presidente? (di apsulo)
Si
No


Mostra i risultati
Tutti i sondaggi Juve Proponi sondaggio
Juve
Cerca un giocatore
Classifica campionato di Serie A
Squadra Pti Squadra Pti
JUVENTUS 84 Cagliari 37
Napoli 67 Sassuolo 37
Inter 60 Parma 35
Milan 55 Spal 35
Roma 54 Genoa 34
Atalanta 53 Udinese 32
Lazio 52 Bologna 31
Torino 50 Empoli 29
Sampdoria 48 Frosinone 23
Fiorentina 40 Chievo (-3) 11
Classifica completa, risultati, calendario
Le prossime gare in calendario
Data/Ora Cmp Partita
20.04 18:00 A Juve-Fiorentina
27.04 20:30 A Inter-Juventus
04.05 15:00 A Juventus-Torino
12.05 20:30 A Roma-Juventus
19.05 15:00 A Juventus-Atalanta
26.05 20:30 A Sampdoria-Juventus
       
       
       
       
Calendario completo
Tutte le partite ufficiali della stagione
G. Pti Vit Par Sco Fat Sub  
21 53 17 2 2 44 14 C
23 50 16 2 5 37 20 F
1 3 1 0 0 1 0 N
45 106 34 4 7 82 34 T
Ultime 10 gare ufficiali
Data Cmp Partita Ris
03.03 A Napoli-Juventus 1-2
08.03 A Juventus-Udinese 4-1
12.03 ChL Juve-Atletico Madrid 3-0
17.03 A Genoa-Juventus 2-0
30.03 A Juventus-Empoli 1-0
02.04 A Cagliari-Juventus 0-2
06.04 A Juventus-Milan 2-1
10.04 ChL Ajax-Juventus 1-1
13.04 A Spal-Juventus 2-1
16.04 ChL Juventus-Ajax 1-2
Punti 19 - Vinte 6 - Pari 1 - Perse 3
Gol fatti 17 - Gol subiti 10 - Vedi tabellini
Tutte le partite ufficiali della stagione
M Giocatore Pres G.F G.S Esp
12 Alex Sandro 39 - - -
10 Dybala 39 10 - -
5 Pjanic 39 4 - 1
7 Ronaldo 38 26 - 1
30 Bentancur 37 2 - 1
14 Matuidi 37 3 - -
19 Bonucci 36 3 - -
1 Szczesny 36 - 26 -
33 Bernardeschi 35 3 - -
23 Emre Can 32 4 - -
17 Mandzukic 32 9 - -
3 Chiellini 30 1 - -
20 Joao Cancelo 29 1 - -
11 Douglas Costa 25 1 - 1
2 De Sciglio 24 - - -
24 Rugani 18 2 - -
16 Cuadrado 17 1 - -
6 Khedira 17 2 - -
18 Kean 12 7 - -
15 Barzagli 9 - - -
22 Perin 9 - 8 -
37 Spinazzola 9 - - -
4 Caceres 7 - - -
4 Benatia 6 - - -
41 Nicolussi 2 - - -
43 Gozzi 1 - - -
39 Kastanos 1 - - -
40 Mavididi 1 - - -
21 Pinsoglio 0 - - -
Contributo reparti in fase realizzativa
Difesa 7 - Centrocampo 17 - Attacco 55
Altre statistiche
Giocatori utilizzati 28 (almeno 1 pres.)
Giocatori in gol 16 (57,14%)
Rigori segnati 10 - Sbagliati 1 - Parati 2
Espulsioni 4 (4 giocatori diversi espulsi)
La Juventus dal 1900 ad oggi
Gare ufficiali   Serie A
4.302 Giocate 2.880
2.350 (54,63%) Vittorie 1.582 (54,93%)
1.108 (25,76%) Pareggi 783 (27,19%)
844 (19,62%) Sconfitte 515 (17,88%)
7.726 Fatti 5.032
4.192 Subiti 2.713
C. Europee   Era 3 pti (uff.)
470 Giocate 1.280
257 (54,68%) Vittorie 769 (60,08%)
107 (22,77%) Pareggi 305 (23,83%)
106 (22,55%) Sconfitte 206 (16,09%)
801 Fatti 2.269
425 Subiti 1.111
Tutti i numeri della Juventus
Top 10 - All Time (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
705 Del Piero 289 Del Piero
656 Buffon 179 Boniperti G.
552 Scirea 178 Bettega R.
528 Furino 171 Trezeguet
502 Chiellini 167 Sivori
482 Bettega R. 158 Borel F.
476 Zoff 130 Anastasi
459 Boniperti G. 124 Hansen J.
450 Salvadore 115 Baggio R.
447 Causio 113 Munerati
Classifiche complete
Top 10 - Rosa attuale (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
502 Chiellini 78 Dybala
355 Bonucci 43 Mandzukic
280 Barzagli 35 Chiellini
179 Dybala 26 Ronaldo
161 Mandzukic 22 Bonucci
153 Alex Sandro 21 Khedira
131 Cuadrado 19 Pjanic
130 Pjanic 14 Cuadrado
127 Khedira 9 Alex Sandro
117 Caceres 8 Bernardeschi
Classifiche complete
Juve
Tutti gli articoli dell'autore Juve Tutti gli articoli Juve Articoli/storia Juve Tutti gli autori
Pubblicato il 19.03.2019
Genoa - Juventus 2 - 0 - PIU' CHE LA STANCHEZZA, POTE' DI BELLO
di Antonio La Rosa
Era un po’ nell’aria, che potesse arrivare una sconfitta per i bianconeri, specie ora che si va avanti in Champions League e lo scudetto è praticamente al sicuro.
Ma, a costo di ripetermi fino alla nausea, non è la sconfitta in sé che può dare fastidio in una stagione che comunque ci vede in lizza per la competizione più importante: infastidisce il modo come si perde, una gara nella quale hanno “tradito” più di altri quei giocatori che invece dovrebbero mostrare maggiore cattiveria e determinazione, per conquistare maggiore spazio in prima squadra.
Non fasciamoci troppo la testa, ma una riflessione va fatta all’interno del gruppo.

Juventus In

Se vogliamo trovare elementi positivi in una sconfitta, possiamo trovarli nel fatto che un turn over ampio, e una fatica infrasettimanale di Champions, non potevano che produrre un calo di concentrazione e anche difficoltà di assemblamento di un gruppo con diversi tasselli in pratica fuori posto.
Diciamo che per settanta minuti la partita è stata bloccata, e solo le decisioni dell’arbitro Di Bello non avevano consentito ai bianconeri di essere in vantaggio.
La prima parte della ripresa, con bianconeri che si posizionavano in 4 – 4 – 2 classico, Caceres esterno destro, Cancelo spostato a sinistra da esterno di centrocampo, con Alex Sandro arretrato in difesa, Bernardeschi, subentrato a Bentancur acciaccato, schierato a destra e finalmente Dybala più avanzato, e del nuovo assetto la squadra sembrava poterne beneficiare, finalmente qualche azione in velocità, poi l’occasione del gol annullato a Dybala, per un fuorigioco davvero discutibile (di spalla pochi centimetri) di Emre Can, e quando la gara sembrava incanalarsi sul risultato a reti bianche, due sbavature difensive abbastanza evidenti hanno prodotto le marcature dei genoani.

Juventus Out

Diverse novità di formazione e tattiche, che come detto, non hanno dato i propri frutti: Perin in porta, difesa a tre Caceres – Bonucci – Rugani, centrocampo con Cancelo e Alex Sandro esterni e Pjanic centrale con Bentancur mezzala al posto di Matuidi, in attacco coppia Dybala – Mandzukic.
Probabilmente le intenzioni di Allegri erano quelle di una difesa a 3 in fase di possesso palla, due esterni abili a proiettarsi in avanti, quasi a formare una linea a 4 offensiva; solo che il Dybala troppo arretrato e costretto a giocare spalle alla porta, diventava un elemento di debolezza, come pure il Mandzukic a defilarsi sull’esterno o a ripiegare: insomma i movimenti che di norma i due operano nel 4 – 3 – 3, che però diventano inutili e confusionari in questo modulo con centrocampo a 5, tanto che la vera difficoltà delle nostre giocate si evidenziava nella mancanza di chi desse profondità alla manovra.
Inutile inserimento di Kean nel finale, al posto di Mandzukic, mai entrato in partita.
Il significato mi pare chiaro, non si può abbassare la guardia nel campionato, nonostante il vantaggio consistente, e se i protagonisti di martedì hanno delle attenuanti per il notevole sforzo psico-fisico contro l’Atletico Madrid, poco giustificabile la prestazione incolore di altri che martedì non avevano giocato, da loro ci si doveva aspettare maggiore impegno e concentrazione.

I singoli

Qualcuno si è salvato secondo voi?
Se proprio dobbiamo trovare delle sufficienze stiracchiate, direi che solo Bentancur, Pjanic e a tratti il Dybala della ripresa, o meglio del primo quarto d’ora della ripresa, possono essere in parte salvati dal naufragio
Perin bravissimo nel primo tempo, colpevole sul gol del vantaggio di Sturaro, molle Rugani in entrambe le occasioni dei gol, e questo non può deporre a suo favore, perché se spreca occasioni come queste, dimostra di non essere da Juve dopo quattro anni di militanza; Alex Sandro spesso irritante nelle sue iniziative, sempre sfociate in passaggi errati o scelte sbagliate, quasi da far rimpiangere il Molinaro dei giorni peggiori; infine Mandzukic mi pare proprio a corto di fiato, per adesso è uomo in meno della squadra.

La direzione di gara

Vi rinvio alle postille, anche perché dell’arbitro è meglio parlarne, considerando ciò che hanno scritto i giornali oggi.

Prossimo turno

Adesso pausa per le Nazionali, solito viavai di tanti giocatori, fra due settimane, alla ripresa, bianconeri in casa contro l’Empoli.
E’ una partita da non sbagliare, considerato che dopo inizierà il ciclo terribile, nell’ordine Milan, Fiorentina, Inter, derby, Roma, Atalanta e Sampdoria, non dimenticando che avremo due trasferte contro Cagliari e Spal, squadra che cercano i punti certezza per la permanenza in A.
Le altre sono tutte impegnate nella conquista dei posti che contano in Europa, quindi le troveremo impegnate al massimo contro di noi, che avremo sicuramente anche gli impegni di Champions, si spera fino alla fine questa volta.
Come dire, occorre tornare a vincere subito, mantenere il vantaggio corposo che c’è attualmente, e poter gestire con serenità il finale di campionato, in attesa della certezza matematica.

La giornata di campionato

Il rallentamento delle inseguitrici alle piazze per la Champions, ha consentito una sorta di allungamento della classifica a favore di quelle più avanti, che adesso sono davvero favorite per le prime piazze necessarie.
Già fuori causa il Napoli, che salvo catastrofi imponderabili, è sicuro del piazzamento al secondo posto, grazie alla vittoria casalinga contro l’Udinese; l’Inter torna al terzo posto, aggiudicandosi il derby, e tutto sommato il Milan non vede avvicinarsi le rivali, dato che la Roma ha perso a Ferrara, Torino battuto in casa dal Bologna, Atalanta bloccata dal Chievo, solo la Lazio vincente.

Le mie postille

1 – L’angolo della Champions League

Stavolta consentitemi di aprire questa postilla con un plauso al pubblico dell’Allianz Stadium (o Juventus Stadium per i tradizionalisti): passionale, caldo, dodicesimo uomo in campo, meritava l'impresa dei propri idoli, perchè ha creduto a quell'impresa, perchè l'ha costruita anche mostrando tutto l'amore possibile per quei giocatori che indossavano la maglia della Juventus, per poi celebrarla a fine gara.
La cosa che vi potrà sembrare assurda, squadra già rientrata negli spogliatoi e gente che ancora si attardava ad uscire dalle tribune, quasi a volere proseguire quel momento magico, esauritosi al triplice fischio di Kuipers: praticamente il rovescio della medaglia del venerdì precedente, tifoseria compatta, in tutti i settori, mai vista una tribuna est (che frequento da sette anni ormai), così appassionata nel tifare, nel cantare l'inno della Juventus, nell'unirsi ai cori che partivano dalle curve, stavolta alleate.
Torno al discorso fatto giorni addietro, a prescindere dalle ragioni del cosiddetto sciopero del tifo, la cosa peggiore da farsi è quella di far mancare l'incitamento alla squadra, che sicuramente non fa parte della polemica tra ultras e dirigenza, e così martedì sera, la Sud è tornata ad essere la Sud del passato, la cosa ha coinvolto di fatto tutto lo stadio, e il resto l'hanno fatto i giocatori.
Andando alla partita, ero fiducioso per questa gara di ritorno, ma non al punto di sentirmi certissimo del passaggio del turno, anzi; ero però convinto che la reazione alla prestazione mediocre del Wanda Metropolitano, ci sarebbe stata, che la squadra si sarebbe riscattata, lottando per rovesciare il risultato dell'andata; poi naturalmente il calcio ha anche le sue illogicità apparenti, nessuno credeva che la squadra di Simeone, potesse subire tre gol in una sola partita dalla Juventus, quando nei tre precedenti di Coppa, non aveva mai subito reti dai bianconeri, o che i bianconeri potessero per la prima volta rovesciare uno 0 - 2 subito nella gara d'andata, o che CR7, un solo gol finora, potesse diventare il trascinatore proprio adesso con i bianconeri con un piede fuori, o che Allegri potesse cambiare il corso di questo ottavo di finale: appunto perchè illogicità apparenti, sono tutte cadute in una sola volta.
Ed allora stavolta cominciamo a dare i meriti ad Allegri, che davvero era a rischio, dopo la gara dell'andata, per una eliminazione agli ottavi con il giocatore più forte al mondo in organico: ha avuto coraggio, schierando Spinazzola dal primo minuto, ne ha mostrato ancor di più inserendo Dybala per Spinazzola, e modificando l'assetto in un 3 - 4 - 3, arretrando Emre Can a difensore esterno centrale con Bonucci e Chiellini, lasciando a centrocampo come esterni Cancelo e Matuidi, spostando Bernardeschi a mezzala, con Dybala defilato ma sempre in modo di collocarsi tra le linee, ed ha completato l'opera con l'inserimento di Kean al posto di un Mandzukic non proprio in serata, così da avere una punta ancora più avanzata che desse profondità al gioco.
A ciò si deve aggiungere che la squadra ha assimilato la lezione dell'andata, giocando da ... Atletico, dunque non facendo ragionare gli avversari a centrocampo, Griezman letteralmente tagliato dal gioco, Koke sempre raddoppiato e triplicato, dunque annullate le uniche fonti di gioco dei colchoneros, non a caso zero calci d'angolo battuti dagli spagnoli, ed una sola vera occasione da rete, nel finale di primo tempo, con Morata.
Per quanto riguarda i singoli, se da un lato è stata la serata di CR7, autentico mattatore, con la sua tripletta, dall'altro è stata la serata della Juve operaia, l'esordio in Champions di Spinazzola è davvero da encomio solenne, bene anche lo stesso Kean, che non ha segnato solo perchè ha tirato troppo bene per superare il portiere, angolando leggermente troppo il tiro.
Dicevo Juve operaia nella prestazione gigantesca di Emre Can, nel finale anche da improvvisato difensore nella linea a 3, e nella prestazione di Bernardeschi, che se riuscirà a correggere qualche imprecisione mostrata in qualche scelta finale, sarà davvero un fuoriclasse anche in ottica Nazionale; inutile citare ancora Chiellini, monumentale la sua prestazione, mentre l'unico forse un gradino sotto gli altri è stato proprio Mandzukic, Cancelo, incolore nel primo tempo, è stato più convincente nella ripresa.

*******

L’urna ci ha riservato l’Ajax, protagonista di una delle imprese – sorprese, degli ottavi, l’eliminazione dei campioni in carica del Real Madrid.
Squadra giovane, dinamica, che sarà caricata a mille per l’impresa compiuta negli ottavi di finale, e che avrà un ulteriore elemento a suo favore, non ha nulla da perdere, per cui potrà giocare con spensieratezza.
Al contrario, la Juventus dovrà avere il massimo della concentrazione, avversarie out sider come l’Ajax sono spesso più insidiose proprio perché si tende a pensare che siano agevolmente superabili, è l’errore che ha commesso il Real Madrid, che si riteneva certo del passaggio del turno, dopo avere vinto in trasferta, ed ha pagato carissimo questo peccato di presunzione.

2 – Che bello il VAR con Di Bello

Come sapete bene, i nostri media sono attentissimi alle direzioni di gara quando c’è la Juventus, al punto che, se ad esempio un internazionale come Rocchi, espelle Meret, per un fallo da espulsione a termini di regolamento, ha aiutato la Juve, mentre se espelle Pjanic, dopo averlo ammonito immotivatamente la prima volta, ha fatto una scelta giusta, e meglio ancora quando concede rigori per falli di mano successivi a tocco di torace.
Evidentemente Di Bello lo sa bene, e dunque per non avere rogne, ha ben pensato nel primo tempo di concedere un rigore al Genoa per un grottesco fallo di mano di Cancelo, di spalle rispetto alla provenienza della palla.
Il VAR è intervenuto, e siccome precedente al tocco di mano di Cancelo, vi era un netto mani dell’attaccante genoano, Di Bello suo malgrado è stato costretto a tornare indietro.
VAR che non ha invece corretto Di Bello, su due evidenti falli da rigore subiti da Mandzukic, il secondo davvero plateale commesso da Romero, una sorta di mossa da lotta libera per buttare a terra il nostro giocatore; e VAR fin troppo attenta a trovare un iniziale fuorigioco di … spalla di un paio di centimetri, non più, di Emre Can, sul gol di Dybala.
Come dire, al netto della prestazione deludente dei bianconeri, con una direzione di gara attenta e un VAR nel rispetto del protocollo (ossia la correzione di evidenti errori arbitrali), la Juventus avrebbe dovuto veder convalidato il gol (se va corretto il CHIARO errore, tale non può essere un presunto fuorigioco di spalla di due centimetri, peraltro quando successivamente il pallone viene giocato da due genoani), assegnato almeno uno dei due rigori (il secondo atterramento di Mandzukic è stato davvero eclatante), e quindi trovarsi in vantaggio almeno di una rete prima del finale di gara.
Invece così non è stato.
La cosa comica è che il moviolista del fogliaccio rosa milanese, tale Alessandro Catapano, dichiarato ultras romanista, stamattina intitolava la sua moviola di Genoa – Juventus, nel seguente modo:

“BENE IL VAR, MA CI SONO DUE FALLI DA RIGORE SU MANDZUKIC”.

Un ridicolo ossimoro insomma, perché se il VAR ha operato bene, significa che ha corretto gli errori, per cui non si spiega come possa definirsi che sia andato BENE, quando non ha visto e corretto gli errori di Di Bello, nei due episodi.
Insomma, un lapsus freudiano, il VAR va bene quando non corregge gli errori a danno della Juventus.
Chiaro?


E-mail: antonio_larosa{chiocciola}msn.com


Clicca qui per pubblicare il tuo articolo
Juve
Juve
Vignette
Ingrandisci
Clicca sulla vignetta per ingrandirla
Juve Juve
Fanzone
Juve Sondaggi
Juve Indice di gradimento
Juve Video Juventus e calcio
Juve Meteo Torino
Juve Meteo Vinovo
Juve Meteo prossima gara Juve
Juve Live score - Risultati in diretta
Juve Vignette di Buongiorno
Juve Vignette di Zucaro
Juve Vignette di Steve
Juve Vignette di Bonarober
Juve Vignette di Wiggum
Juve Wallpapers di Buongiorno
Juve Wallpapers di Steve
Juve Wallpapers di Wiggum
Juve Download inni non ufficiali
Juve Tweet di Juve e giocatori
Accedi alla fanzone
Juve
Juworld.NET è un sito non ufficiale, non autorizzato da o connesso a Juventus FC Spa.
I marchi Juventus e Juve ed il logo Juventus sono di proprietà esclusiva di Juventus FC Spa.
Il link ai siti esterni non implica riconoscimento da parte di Juworld.NET.
Copyright © 2001-2019 Juworld.NET - E' vietata qualsiasi riproduzione parziale o completa se non autorizzata.
Informativa cookies