Juve
Home page Juve Juve 2018-2019 Juve Articoli Juve News Juve Archivio/statistiche Juve Storia Juve Fanzone Juve Italia1910.com Juve Serie A Juve Contatti
Sondaggio
Se, come riportato da quasi tutti i media, Maurizio Sarri sarà il nuovo allenatore della Juventus, quali aspettative avresti nei suoi confronti? (di Juve10)
Molto positive: grande allenatore, sul campo ha dimostrato, con un Napoli molto inferiore alla Juventus, di saper tenere testa ai bianconeri
Positive: buon allenatore, mette il gioco al centro del suo lavoro, ció che serve alla Juventus dopo Allegri
Negative: discreto allenatore, ma non all’altezza di guidare la Juventus
Molto negative: pessimo allenatore, inadeguato sia sotto l’aspetto tecnico che sotto il profilo caratteriale


Mostra i risultati
Tutti i sondaggi Juve Proponi sondaggio
Juve
Cerca un giocatore
Classifica campionato di Serie A
Squadra Pti Squadra Pti
JUVENTUS 90 Sassuolo 43
Napoli 79 Udinese 43
Atalanta 69 Spal 42
Inter 69 Parma 41
Milan 68 Cagliari 41
Roma 66 Fiorentina 41
Torino 63 Genoa 38
Lazio 59 Empoli 38
Sampdoria 53 Frosinone 25
Bologna 44 Chievo (-3) 17
Classifica completa, risultati, calendario
Tutte le partite ufficiali della stagione
G. Pti Vit Par Sco Fat Sub  
24 58 18 4 2 48 17 C
26 51 16 3 7 38 25 F
1 3 1 0 0 1 0 N
51 112 35 7 9 87 42 T
Ultime 10 gare ufficiali
Data Cmp Partita Ris
06.04 A Juventus-Milan 2-1
10.04 ChL Ajax-Juventus 1-1
13.04 A Spal-Juventus 2-1
16.04 ChL Juventus-Ajax 1-2
20.04 A Juventus-Fiorentina 2-1
27.04 A Inter-Juventus 1-1
03.05 A Juventus-Torino 1-1
12.05 A Roma-Juventus 2-0
19.05 A Juventus-Atalanta 1-1
26.05 A Sampdoria-Juventus 2-0
Punti 10 - Vinte 2 - Pari 4 - Perse 4
Gol fatti 10 - Gol subiti 14 - Vedi tabellini
Tutte le partite ufficiali della stagione
M Giocatore Pres G.F G.S Esp
5 Pjanic 44 4 - 1
12 Alex Sandro 43 1 - -
7 Ronaldo 43 28 - 1
10 Dybala 42 10 - -
14 Matuidi 42 3 - -
19 Bonucci 41 3 - -
1 Szczesny 41 - 32 -
30 Bentancur 40 2 - 1
33 Bernardeschi 39 3 - 1
23 Emre Can 37 4 - -
3 Chiellini 34 1 - -
20 Joao Cancelo 34 1 - -
17 Mandzukic 33 10 - -
2 De Sciglio 28 - - -
11 Douglas Costa 25 1 - 1
16 Cuadrado 23 1 - -
24 Rugani 20 2 - -
18 Kean 17 7 - -
6 Khedira 17 2 - -
37 Spinazzola 12 - - -
15 Barzagli 10 - - -
4 Caceres 9 - - -
22 Perin 9 - 8 -
4 Benatia 6 - - -
35 Matheus Pereira 3 - - -
41 Nicolussi 3 - - -
43 Gozzi 1 - - -
39 Kastanos 1 - - -
40 Mavididi 1 - - -
21 Pinsoglio 1 - 2 -
34 Portanova 1 - - -
Contributo reparti in fase realizzativa
Difesa 8 - Centrocampo 17 - Attacco 58
Altre statistiche
Giocatori utilizzati 31 (almeno 1 pres.)
Giocatori in gol 17 (54,84%)
Rigori segnati 10 - Sbagliati 1 - Parati 2
Espulsioni 5 (5 giocatori diversi espulsi)
La Juventus dal 1900 ad oggi
Gare ufficiali   Serie A
4.308 Giocate 2.886
2.351 (54,57%) Vittorie 1.583 (54,85%)
1.111 (25,79%) Pareggi 786 (27,23%)
846 (19,64%) Sconfitte 517 (17,91%)
7.731 Fatti 5.037
4.200 Subiti 2.721
C. Europee   Era 3 pti (uff.)
470 Giocate 1.286
257 (54,68%) Vittorie 770 (59,88%)
107 (22,77%) Pareggi 308 (23,95%)
106 (22,55%) Sconfitte 208 (16,17%)
801 Fatti 2.274
425 Subiti 1.119
Tutti i numeri della Juventus
Top 10 - All Time (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
705 Del Piero 289 Del Piero
656 Buffon 179 Boniperti G.
552 Scirea 178 Bettega R.
528 Furino 171 Trezeguet
506 Chiellini 167 Sivori
482 Bettega R. 158 Borel F.
476 Zoff 130 Anastasi
459 Boniperti G. 124 Hansen J.
450 Salvadore 115 Baggio R.
447 Causio 113 Munerati
Classifiche complete
Top 10 - Rosa attuale (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
506 Chiellini 78 Dybala
360 Bonucci 44 Mandzukic
281 Barzagli 35 Chiellini
182 Dybala 28 Ronaldo
162 Mandzukic 22 Bonucci
157 Alex Sandro 21 Khedira
137 Cuadrado 19 Pjanic
135 Pjanic 14 Cuadrado
127 Khedira 10 Alex Sandro
119 Caceres 8 Bernardeschi
Classifiche complete
Juve
Tutti gli articoli dell'autore Juve Tutti gli articoli Juve Articoli/storia Juve Tutti gli autori
Pubblicato il 11.12.2018
Juventus - Inter 1 - 0 - CANCELO ED ASAMOAH ... A MAGLIE INVERTITE
di Antonio La Rosa
Partite come quella di venerdì sera, confermano la mia idea che effettivamente esista il dio del calcio: dopo avere come sempre preparato il terreno, per il condizionamento arbitrale (Pjanic ammonito dopo 3 minuti per un normale fallo di gioco; Skriniar graziato due volte; Bentancur, diffidato, ammonito per avere subito fallo, un body check al limite dell'area su CR7, lasciato correre, quando da venti anni rompono i cabbasisi per un analogo episodio a maglie invertite), perdono pur avendo giocato bene, a tratti anche meglio della Juventus, perdono avendo avuto almeno due chiare occasioni da rete che hanno sprecato da dilettanti, insomma ... perdono anche contro la peggiore Juventus di questo inizio campionato.
Non è stata la migliore Juventus della stagione, anzi, a lungo irretita dalla ottima disposizione tattica dei nerazzurri, che, ad onta del ventilato tridente offensivo, di fatto si sono schierati con un centrocampo a 5, così da avere superiorità numerica nella zona nevralgica, anche a costo di sacrificare i rifornimenti per l’unica punta, Icardi.
Cosa che ha funzionato fino alla grande giocata di Cancelo.

Juventus In

Diciamo la verità, Spalletti aveva preparato tatticamente la partita in maniera quasi perfetta, un finto tridente che invece era un effettivo centrocampo a 5, costantemente due giocatori sulle fasce, a creare superiorità numerica, ed infatti la Juventus ha sofferto molto le loro incursioni, non avendo adeguate contromisure, soprattutto a causa di un centrocampo che, almeno nel primo tempo, è stato carente nella fase di copertura; le cose si sono meglio assestate nella ripresa, quando Allegri ha di fatto spostato Mandzukic sulla fascia a quarto di centrocampo, nelle fasi di non possesso palla, ed invero la partita, proprio nel momento in cui è arrivato il gol del vantaggio, sembrava essersi bloccata, Juventus incapace di manovrare in avanti, Inter attenta a coprire, ma non più in grado di perforare sulle fasce, e impalpabile nella zona centrale di campo;
Viene criticata dagli interisti la mossa Borja Valero, al posto di Politano, mossa che invece ci stava tutta, l'Inter doveva trovare qualche soluzione offensiva nella zona centrale del campo, nel momento in cui Bentancur era letteralmente salito in cattedra, quindi uno da contrapporgli ma anche in grado di gestire palla e lanciare gli attaccanti: il caso ha voluto che proprio da un suo inutile fallo a centrocampo è nata l'azione decisiva.

Juventus Out

E’ mancata la fantasia e la creatività venerdì sera, i giocatori che avrebbero dovuto inventare e creare scompiglio, di fatto sono stati sempre neutralizzati, il solo Dybala nel primo tempo ci ha provato, ma senza tanta fortuna, a concludere a rete.
Come pure, nella partita in cui Cristiano Ronaldo è arrivato al tiro solo raramente, si è visto cosa significhi adesso per la Juventus, mancare improvvisamente di qualcuno che ci provi sempre e comunque

I singoli

Tre giocatori su tutti, a mio giudizio, e nell'ordine Chiellini, davvero un gigante ed un vero capitano; Bentancur, sempre più protagonista a centrocampo; Cancelo, autentico dominatore sulla fascia sinistra; avrei aggiunto Matuidi, ma un pallone sanguinoso perso al limite dell'area, ad inizio ripresa, poteva costarci carissimo;
Viceversa, se questi non ci battono neppure quando CR7 è il peggiore in campo, quando potranno riuscirci? Il portoghese ieri è stato anche irritante, nelle sue iniziative, giocate più per la platea che per la squadra, e palloni puntualmente consegnati agli avversari, e stavolta non c'entra il modulo o le indicazioni tattiche di Allegri; anche Dybala e Pjanic in ombra, insomma proprio chi doveva garantire qualità e classe alla Juventus, ieri sera è clamorosamente mancato;

La Direzione di gara

Irrati è stato chirurgico, la famigerata "gestione" dei cartellini, è stata direi intimidatoria, subito Pjanic ammonito, zero ammoniti nerazzurri nel primo tempo, Bentancur subito ammonito nella ripresa, e solo5 a quel punto primo giallo, finalmente per un interista; nessun contrasto a danno degli juventini al limite dell'area sanzionato, la punizione più vicina a 30 metri dalla porta, meglio non rischiare, magari vivisezionando le immagini, nel post partita avrebbero potuto lamentarsi;

Prossimo turno

Sabato sera ci sarà il derby con il Torino, due giorni dopo la gara di Champions, e non comprendo come mai si rediga così il calendario, disponendo ad anticipo di sabato una gara a chi ha giocato il mercoledì sera.
Gara delicata, il Torino quest’anno sembra più compatto e solido rispetto agli anni precedenti, ma ancora discontinuo, rendimento migliore fuori casa, quando non deve fare la partita, e lacune nelle partite interne.
Bisogna vedere se in due giorni i bianconeri saranno riusciti a recuperare al meglio.

La giornata di campionato

Anche se forse è presto per dirlo, ma con la giornata trascorsa credo che la questione scudetto si sia definitivamente ridotta a due sole squadre, anche se la seconda è sempre a otto punti di distanza.
Napoli vittorioso facilmente contro quel Frosinone che sembra ormai candidato ad una delle piazze per il ritorno in B, delle altre continuano a perdere terreno la Roma e la Lazio, entrambe raggiunte nei minuti di recupero, e soprattutto il pareggio dei giallorossi ha del grottesco, essendo in doppia superiorità numerica.
Questo rende ancor più incerta la lotta per la quarta piazza utile in ottica Champions, ed anche le piazze per l’EL.
In coda si complica la situazione del Bologna, terzultimo e anche con un certo distacco.

Le mie postille

1 – Curve e controcurve – seconda puntata

Il mondo del calcio è quello strano luogo nel quale la cosiddetta giustizia sportiva vede come protagonista un tizio che si dichiara pubblicamente tifoso napoletano, che ci fa sapere di leggere le dichiarazioni dell’allenatore della sua squadra del cuore per eventualmente procedere a deferimenti verso società e tifoserie, il tutto mentre nessuno si indigni di ciò.
E’ quel luogo in cui se si parla di sapone o si da del maiale ad un allenatore, si chiudono curve; se invece si offendono i minuti di silenzio per commemorare autentici monumenti del calcio italiano (Gigi Radice), si tirano addosso ai tifosi avversari liquidi e altro, si aggrediscono hostess e si distruggono i bagni, forse si verrà premiati, perchè questa non è discriminazione territoriale, e non ci sono napolisti di mezzo.
Come dire, se urlate un coro che può essere ritenuto offensivo, rischiate sanzioni, se provate a far male, a produrre lesioni fisiche a persone, distruggere settori di stadio e quant’altro, nessuno vi dirà nulla.

2 – Gigi Radice.

Da buon juventino formatomi ai tempi della grande Juve di Boniperti, non potevo non “odiare” calcisticamente il Torino.
Ma, badate, un “odio” che naturalmente non va inteso in senso letterale, bensì come avversione a quella che era la bestia nera di quel periodo, che in quanto tale suscitava in noi juventini un misto di timore e di ammirazione: perché in fondo quel Torino lo temevamo dannatamente, lo soffrivano più di ogni altra avversaria, ma in fondo lo rispettavamo e lo ammiravamo.
Bene, quel Torino soprattutto io lo ricordo come il Torino allenato da Gigi Radice, uno che fu un vero rivoluzionario, sia sul piano tattico, sia sul piano della mentalità che seppe dare ai suoi giocatori.
Anni addietro, ebbi modo di incontrarmi ed essere allo stesso tavolo di un grande ex del Torino di quegli anni, uno che a suo tempo avrei voluto vedere in bianconero, Renato Zaccarelli.
Al quale dissi molto chiaramente che li odiavo a suo tempo perché li temevo, e ricordavo ancora quei sei anni di fila in cui non avevamo vinto un derby, e solo alla fine di quel sesto anno, grazie ad un diagonale rasoterra, nel finale di gara, di Cabrini, tornammo ad esultare per una vittoria nel derby.
Zaccarelli mi disse che effettivamente non ero il primo juventino a manifestare quella sorta di rispetto e di timore verso la formazione granata di quegli anni, mi spiegò pure che quel cambio di mentalità fu merito proprio di Radice.
Il quale inculcò loro la cosiddetta “mentalità vincente”, li fece uscire dal provincialismo di pensare solo a due gare durante la stagione, ma a tutte e trenta le gare, che le grandi squadre devono intanto incutere paura agli avversari, e non mostrarsi mai inferiori, che il derby era una gara andata e ritorno, ma contava di più il piazzamento finale in campionato.
Ed effettivamente era vero, la Juventus di quegli anni non temeva nessuno, poteva asfaltare tutti, ma puntualmente nel derby soffriva, e Zaccarelli mi ricordava che loro ostentavano sicurezza fin dagli spogliatoi, e più si mostravano sicuri, più gli juventini si innervosivano e perdevano il controllo del gioco.
Tutte cose che portarono il Torino ad essere campione d’Italia e principale avversario della Juventus di quegli anni, nonché a far diventare la città di Torino la capitale del calcio italiano.
E Radice non ebbe mai parole o atteggiamenti astiosi e polemici verso la Juventus, anzi: grande amico qual era di Giovanni Trapattoni, spesso i due uscivano assieme con le famiglie, anche il giorno dopo il derby, chi dei due perdeva (spesso proprio il Trap) era il primo a congratularsi con l’altro.
Oggi Radice non c’è più, quasi a dirci che quel calcio è davvero lontano.
A lui ogni onore e rispetto da parte nostra.


E-mail: antonio_larosa{chiocciola}msn.com


Clicca qui per pubblicare il tuo articolo
Juve
Juve
Vignette
Ingrandisci
Clicca sulla vignetta per ingrandirla
Juve Juve
Fanzone
Juve Sondaggi
Juve Indice di gradimento
Juve Video Juventus e calcio
Juve Meteo Torino
Juve Meteo Vinovo
Juve Meteo prossima gara Juve
Juve Live score - Risultati in diretta
Juve Vignette di Buongiorno
Juve Vignette di Zucaro
Juve Vignette di Steve
Juve Vignette di Bonarober
Juve Vignette di Wiggum
Juve Wallpapers di Buongiorno
Juve Wallpapers di Steve
Juve Wallpapers di Wiggum
Juve Download inni non ufficiali
Juve Tweet di Juve e giocatori
Accedi alla fanzone
Juve
Juworld.NET è un sito non ufficiale, non autorizzato da o connesso a Juventus FC Spa.
I marchi Juventus e Juve ed il logo Juventus sono di proprietà esclusiva di Juventus FC Spa.
Il link ai siti esterni non implica riconoscimento da parte di Juworld.NET.
Copyright © 2001-2019 Juworld.NET - E' vietata qualsiasi riproduzione parziale o completa se non autorizzata.
Informativa cookies