Juve
Home page Juve Juve 2017-2018 Juve Articoli Juve News Juve Archivio/statistiche Juve Storia Juve Fanzone Juve Italia1910.com Juve Serie A Juve Contatti
Sondaggio
Mettendo da parte gli scandalosi arbitraggi anti-Juve di questa stagione - a quanto pare il Napoli DEVE "vincere" lo scudetto - ritenete che Allegri stia facendo giocare la squadra al massimo delle sue possibilità (giocatori schierati, modulo, mentalità, etc.)?
No


Mostra i risultati
Tutti i sondaggi Juve Proponi sondaggio
Juve
Cerca un giocatore
Classifica campionato di Serie A
Squadra Pti Squadra Pti
Napoli 35 Chievo 17
Inter 33 Atalanta 16
JUVENTUS 31 Cagliari 15
Roma 30 Udinese 12
Lazio 28 Crotone 12
Sampdoria 26 Sassuolo 11
Milan 19 Spal 10
Torino 18 Genoa 9
Fiorentina 17 Verona 6
Bologna 17 Benevento 0
Classifica completa, risultati, calendario
Le prossime gare in calendario
Data/Ora Cmp Partita
22.11 20:45 ChL Juve-Barcellona
26.11 20:45 A Juventus-Crotone
01.12 20:45 A Napoli-Juventus
05.12 20:45 ChL Olympiacos-Juve
09.12 20:45 A Juventus-Inter
17.12 15:00 A Bologna-Juventus
20.12 20:45 Ita Juventus-Gen/Cro
23.12 20:45 A Juventus-Roma
30.12 20:45 A Verona-Juventus
06.01 20:45 A Cagliari-Juventus
Calendario completo
Tutte le partite ufficiali della stagione
G. Pti Vit Par Sco Fat Sub  
9 24 8 0 1 22 5 C
8 14 4 2 2 20 14 F
1 0 0 0 1 2 3 N
18 38 12 2 4 44 22 T
Ultime 10 gare ufficiali
Data Cmp Partita Ris
27.09 ChL Juve-Olympiacos Pireo 2-0
01.10 A Atalanta-Juventus 2-2
14.10 A Juventus-Lazio 1-2
18.10 ChL Juve-Sporting Lisbona 2-1
22.10 A Udinese-Juventus 2-6
25.10 A Juventus-Spal 4-1
28.10 A Milan-Juventus 0-2
31.10 ChL Sporting Lisbona-Juve 1-1
05.11 A Juventus-Benevento 2-1
19.11 A Sampdoria-Juventus 3-2
Punti 20 - Vinte 6 - Pari 2 - Perse 2
Gol fatti 24 - Gol subiti 13 - Vedi tabellini
Tutte le partite ufficiali della stagione
M Giocatore Pres G.F G.S Esp
10 Dybala 18 14 - -
9 Higuain 18 10 - -
17 Mandzukic 16 4 - 1
7 Cuadrado 15 3 - -
11 Douglas Costa 15 1 - -
14 Matuidi 15 - - -
33 Bernardeschi 14 2 - -
3 Chiellini 14 - - -
5 Pjanic 14 3 - -
12 Alex Sandro 13 1 - -
15 Barzagli 13 - - -
1 Buffon 13 - 17 -
26 Lichtsteiner 12 - - -
30 Bentancur 10 - - -
6 Khedira 10 3 - -
24 Rugani 10 1 - -
4 Benatia 7 - - -
22 Asamoah 6 - - -
27 Sturaro 6 - - -
23 Szczesny 5 - 5 -
2 De Sciglio 4 - - -
8 Marchisio C. 3 - - -
38 Caligara 1 - - -
21 Howedes 0 - - -
16 Pinsoglio 0 - - -
20 Pjaca 0 - - -
Contributo reparti in fase realizzativa
Difesa 2 - Centrocampo 10 - Attacco 30
Altre statistiche
Giocatori utilizzati 23 (almeno 1 pres.)
Giocatori in gol 10 (43,48%)
Rigori segnati 3 - Sbagliati 2 - Parati 1
Espulsioni 1 (1 giocatori diversi espulsi)
La Juventus dal 1900 ad oggi
Gare ufficiali   Serie A
4.221 Giocate 2.823
2.288 (54,21%) Vittorie 1.535 (54,37%)
1.098 (26,01%) Pareggi 776 (27,49%)
835 (19,78%) Sconfitte 512 (18,14%)
7.576 Fatti 4.918
4.141 Subiti 2.681
C. Europee   Era 3 pti (uff.)
454 Giocate 1.199
249 (54,85%) Vittorie 707 (58,97%)
104 (22,91%) Pareggi 295 (24,60%)
101 (22,25%) Sconfitte 197 (16,43%)
778 Fatti 2.119
409 Subiti 1.060
Tutti i numeri della Juventus
Top 10 - All Time (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
705 Del Piero 289 Del Piero
635 Buffon 179 Boniperti G.
552 Scirea 178 Bettega
528 Furino 171 Trezeguet
482 Bettega 167 Sivori
476 Zoff 158 Borel F.
459 Boniperti G. 130 Anastasi
450 Salvadore 124 Hansen J.
448 Chiellini 115 Baggio R.
447 Causio 113 Munerati
Classifiche complete
Top 10 - Rosa attuale (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
635 Buffon 56 Dybala
448 Chiellini 42 Higuain
372 Marchisio C. 37 Marchisio C.
246 Barzagli 34 Chiellini
238 Lichtsteiner 28 Mandzukic
136 Asamoah 15 Lichtsteiner
112 Dybala 13 Khedira
102 Mandzukic 11 Cuadrado
100 Cuadrado 11 Pjanic
88 Alex Sandro 6 Alex Sandro
Classifiche complete
Tutti gli articoli dell'autore Juve Tutti gli articoli Juve Articoli/storia Juve Tutti gli autori
Pubblicato il 22.05.2017
Juventus - Crotone 3 - 0 - JUVENTUS, 6 LA LEGGENDA DEL CALCIO ITALIANO!
di Antonio La Rosa
La Juventus è campione d’Italia per la sesta volta di fila, una impresa mai compiuta prima in Italia, e naturalmente solo i bianconeri potevano compierla, per continuare a scrivere la leggenda del calcio italiano.
Perché vedete, non è che la squadra bianconera entra nella leggenda solo adesso, c’è stata da sempre, semmai questa leggenda si accresce di un ulteriore record, una ulteriore impresa: se prima altre squadre nella loro storia potevano dire di avere eguagliato il record della Juventus degli anni ’30, adesso c’è una sola squadra ad avere vinto sei volte di fila.
Cosa che si aggiunge alla terza coppa Italia di fila conquistata mercoledì sera dai bianconeri, come nessun’altra mai.

Della partita di domenica sera, stavolta, e per ovvie ragioni, parlerò in maniera limitata, dovendomi dedicare ai momenti più significativi di questo trionfo bianconero.

Partita senza storia, nonostante qualche timore espresso prima di scendersi in campo, dovuto alla striscia straordinaria di risultati conseguiti dal Crotone in questo scorcio di stagione, il che consente ancora ai calabresi di sperare nella permanenza nella massima serie.
Permanenza che meriterebbero, pagano le difficoltà di ambientamento iniziali, le prime gare non sul proprio campo, una buona dose di sfortuna, consistente nelle sconfitte maturate nei minuti finali, ma a ben vedere il Crotone mai è andato incontro ad imbarcate o sconfitte umilianti.
Sarà difficile, ma se il Palermo fa punti contro l’Empoli, e il Crotone dovesse vincere l’ultima, la salvezza sarebbe stata raggiunta, anche se c’è un aspetto cabalistico che depone contro, ne parlerò dopo.
Dicevo partita senza storia, praticamente chiusa già nel primo tempo dai bianconeri, e risultato poi arrotondato nei minuti finali della ripresa, giocata in souplesse dai bianconeri.
Gara che ha visto ancora una volta in Mandzukic e Dybala i migliori, a mio giudizio.

I momenti fondamentali del campionato.

Faccio una premessa: a dispetto del distacco finale non consistente come nelle stagioni passate, ritengo questo campionato il meno combattuto tra i sei vinti di seguito dalla Juventus, e ne spiego la ragione.
Il primo lo ricordiamo tutti, fu quasi inatteso, anche se ci speravamo da anni in quel ritorno alla vittoria finale, girammo in testa a fine girone d’andata, poi sorpasso del Milan, che ad un certo momento ebbe fino a sette punti di vantaggio, salvo crollare e farsi superare nel finale di stagione.
Il secondo anno la vittoria fu più agevole, ma per tutto il girone d’andata ci fu una notevole resistenza delle avversarie, almeno di alcune, l’Inter aveva iniziato bene, venne a vincere a Torino, salvo poi crollare successivamente, il Napoli a lungo tenne il passo dei bianconeri.
Terzo anno, quello dei 102 punti, ma con la Roma che iniziò alla grande, dieci vittorie di fila e a lungo in testa alla classifica.
Quarto anno, quello della prevista (secondo certi “gufi nostrani”) liquefazione della squadra bianconera, vinto con una progressione lenta, graduale, e un distacco che solo nel finale divenne consistente.
Lo scorso anno lo ricordiamo ancora, eravamo praticamente fuori dalla corsa a metà girone d’andata.
Quest’anno la Juventus è partita in testa , ha acquisito quasi subito un vantaggio consistente, al punto di potersi permettere anche di gestirlo a suo piacimento, quando ha perso, gli effetti non sono stati poi tanto rilevanti, anche la stessa sconfitta domenica scorsa contro la Roma, ha solo differito la vittoria matematica dello scudetto: in sostanza i bianconeri sono stati così padroni del campionato, da potersi anche permettere rallentamenti e passi falsi, senza risentirne, per questo sostengo che è stato il meno combattuto, o se preferite, quello vinto più agevolmente, anche al punto di potersi permettere un distacco finale inferiore a quanto effettivamente poteva essere nella realtà.
E, come vedrete, i momenti salienti sono stati quasi tutti nel girone d’andata

Empoli – Juventus 0 - 3

Questa gara, come ho avuto modo di scrivere anche negli anni scorsi, ha una valenza cabalistica, dato che tutte le volte in cui i bianconeri hanno vinto al Castellani, a fine stagione hanno pure vinto lo scudetto; a contrario, l’Empoli si salva se perde in casa con i bianconeri, riesce a salvarsi, anche se quest’anno questa cabala è a forte rischio almeno per i toscani.
Gara difficile per i bianconeri, per chi se la ricorda, fino a metà ripresa risultato bloccato sullo 0 – 0, poi una grande giocata di Dybala e successivamente Higuain che si scatena.

Juventus – Napoli 2 – 1

Questo è stato il primo momento di verifica della forza dei bianconeri in questa stagione, la gara contro il Napoli, oltre alle rivalità artatamente gonfiate nella città partenopea, significava pure Higuain contro il suo passato.
E quel passato non è stato affatto di peso, il gol vittoria, e primo allungo sulle concorrenti, è stato conseguenza del gol decisivo del “pipita”.

Torino – Juventus 1 – 3

Ancora una volta Higuain in cattedra, una doppietta decisiva nel primo derby diciamo “più equilibrato” rispetto al passato.
Gara iniziata in salita, granata in vantaggio, poi bianconeri che prendono il controllo della gara e vittoria conseguita con autorevolezza.

Juventus – Roma 1 – 0

Probabilmente è stata questa la gara che ha nella sostanza “chiuso” il campionato, vittoria di misura ma ben più larga per come conseguita dai bianconeri.
Anche in questa gara Higuain decisivo.

Juventus – Lazio 2 – 0

Questa è stata la gara della svolta tattica, modulo 4 – 2 – 3 – 1, definito il modulo delle “cinque stelle”, senza alcun riferimento politico, ma alla contemporanea presenza in campo di Pjanic, Cuadrado, Dybala, Mandzukic e Higuain.
Cosa ritenuta tatticamente impossibile, ma divenuta invece la formula trainante e fondamentale per la seconda parte della stagione, che ha prodotto la cavalcata finale in campionato, la conquista della terza coppa Italia e … la cosa che aspettiamo di più e con più impazienza.
Dal momento del cambio di modulo, è stata una cavalcata trionfale, anche quando i bianconeri si sono presi qualche “pausa”, per distribuire al meglio le forze nelle varie competizioni.

I protagonisti

L’allenatore, Massimiliano Allegri

Se una squadra vince per tre anni di fila scudetto e coppa Italia, conquista una supercoppa italiana, perdendone due ai rigori, e conquista due finali di Champions League, non può essere un caso, e soprattutto, non può non avere grandi meriti chi guida quella squadra, ossia l’allenatore.
Specie se, rivedendo le formazioni “base”, si nota che solo il reparto difensivo è rimasto sempre presente, anche se qualche innesto ha sostanzialmente cambiato il reparto in diversi momenti (Dani Alves, Alex Sandro, Benatia, Rugani).
Centrocampo e attacco totalmente rinnovati, eccettuato Marchisio, moduli di gioco spesso variati durante la stagione e anche nel corso della stessa partita.
Fino al modulo attuale, coraggioso, con lo spostamento di Mandzukic sull’esterno sinistro, Pjanic in coppia con Khedira davanti alla difesa.
Certo, ci sono ancora alcuni irriducibili sedicenti juventini che tendono a negarne le capacità, ma sono ormai in via di estinzione: Allegri adesso entra di diritto nell’Olimpo dei più grandi allenatori juventini di sempre, assieme a Lippi e Trapattoni.

I giocatori

Gianluigi Buffon.

Quest’anno non ha battuto record, come lo scorso anno, almeno in campionato, in Champions League è rimasto imbattuto per oltre seicento minuti.
Tuttavia è stato ancora una volta il leader indiscusso in campo e fuori, chi ha dato sicurezza alla squadra in campo, scosse necessarie al gruppo nei momenti in cui occorreva darla.
E non sembra volere invecchiare, calcisticamente.

Mario Mandzukic

Doveva essere quello sacrificato dall’arrivo di Higuain, ed invece la sua stagione è stata addirittura migliore rispetto a quella precedente.
Di questa Juve Mandzukic è quello che più di ogni altro ne interpreta il carattere intrinseco, di chi lotta, si sacrifica, ma ciò non gli impedisce di essere trascinatore, di fare giocate di gran classe, e di finalizzarle.

Gonzalo Higuain.

Da quanti anni la Juventus non aveva un attaccante che arrivasse a questi numeri finali? Lo stesso Tevez, protagonista di due stagioni notevoli, si era sempre attestato attorno ai venti gol in campionato, solo nella stagione del 5 maggio Trezeguet ne realizzò 24.
Gol spesso pesanti, come quelli citati sopra, contro Napoli, Torino e Roma, ed anche un adattamento alle necessità tattiche della squadra, come mai in passato, spesso a dare man forte in copertura.

Sami Khedira

Quest’anno finalmente non ha avuto problemi fisici, e si è rivisto il grande centrocampista che era stato ammirato in passato, sicuramente uno dei giocatori cardine della squadra.
E ritengo sia stata la sua grande intelligenza tattica quella che ha consentito ad Allegri di puntare decisamente su un modulo che teoricamente riduce i giocatori a centrocampo, ma ha consentito finalmente a Pjanic di brillare.

Miralem Pjanic

Un girone d’andata a corrente alternata, ma un girone di ritorno da grande protagonista, in quello che era il ruolo che non sembrava a lui adatto, ossia centrale davanti la difesa.
E’ diventato il vero play maker della squadra, il suo rendimento non ha avuto più momenti di pausa.

Leonardo Bonucci

Paradossalmente, devo citare il suo momento più brutto della stagione, la punizione inflittagli per la gara di Champions contro il Porto, andata degli ottavi, con lui in tribuna.
Fermo restando che era stato tra i migliori fino a quel momento, il modo come ha reagito dopo la sanzione è stato esemplare, in tutti i sensi, sempre tra i migliori in campo, e impeccabile anche nei comportamenti, da vero leader.

Daniel (Dani) Alves

La follia al potere, la dissacrazione e spensieratezza come modello comportamentale, per arrivare concentrati al massimo al momento agonistico.
Dato per finito al Barcellona, arrivato quasi in punta di piedi a Torino, considerato come chi veniva in bianconero per chiudere dignitosamente la sua carriera, inizio di stagione con alti e bassi, un brutto infortunio e poi un girone di ritorno in crescendo, al punto di essere stato tra i giocatori fondamentali in Champions e nella finale di coppa Italia.

Paulo Dybala

Apparentemente non ha inciso come la scorsa stagione, ma solo sul piano realizzativo, dato che l’importanza della sua presenza la si è notata soprattutto quando è mancato.
Girone d’andata condizionato dall’infortunio rimediato al Meazza contro il Milan, ma ritorno in crescendo.

Per quanto riguarda gli altri, sicuramente una menzione va fatta per Giorgio Chiellini, dopo un girone di andata non proprio brillantissimo; idem, ma al contrario, per Juan Cuadrado, eccellente direi fino ad inizio primavera, poi un pochino in calo; e direi pure Alex Sandro, sicuramente tra i protagonisti stagionali.
Ecco, questi tre non li ho citati tra i grandi protagonisti solo perché altri probabilmente sono stati ancor più decisivi in certi momenti della stagione.
Direi che comunque nessuno è stato davvero insufficiente, i vari Benatia, Rugani, Lichtsteiner, Asamoah, Sturaro, Rincon, Neto, hanno dato il loro più che valido contributo quando chiamati in causa.

Ed ora testa al prossimo trofeo, che è quello più atteso, la finale di Champions League.
Non dirò molto, anche perché è stato detto e scritto tutto su questa finale.
Ma sicuramente questa volta la Juventus arriva a Cardiff con una mentalità diversa, la consapevolezza che ormai è stabilmente e definitivamente tra le grandi d’Europa, e che visti i precedenti anche recenti, è a Madrid che si devono preoccupare della Juventus.
Poi il tre giugno sera vedremo.

La giornata di campionato

I verdetti finali sono quasi tutti emersi da questa giornata di campionato: Milan torna in Europa, farà i preliminari di EL, Genoa salvo battendo un Torino in disarmo, e poi una lunga serie di gare prime di vero interesse.
Nell’ultima di campionato rimane incerto solo l’esito della lotta salvezza, il Crotone può ancora salvarsi, anche se, facendosi i conti per il famoso “salvagente” per le retrocesse, qualcuno fa notare che al Palermo converrebbe far salvare l’Empoli, e dunque se dovesse prevalere questo calcolo, il finale di questa lotta salvezza appare teoricamente falsato.
Ci sarebbe ancora incertezza sul secondo posto, ma pensate davvero che un Genoa ormai salvo, farà la partita della vita contro la Roma, in occasione dell’ultima partita di Francesco Totti?


E-mail: antonio_larosa{chiocciola}msn.com


Clicca qui per pubblicare il tuo articolo
Juve
Juve
Juve Juve
Vignette
Ingrandisci
Clicca sulla vignetta per ingrandirla
Juve
Juve news - Tuttosport
Sezione Juventus News
Juve
Juve news - Goal.com
Guaio Juventus: Chiellini out col Barcellona per un risentimento muscolare
Juventus-Barcellona, Chiellini out per un problema muscolare: si passa al 3-4-3
La Juventus fa felice Favilli: acquisto perfezionato anche dopo l'infortunio
Cosa serve a Napoli, Juventus e Roma per qualificarsi agli ottavi di Champions League
Mandzukic non corre più e la Juventus soffre: Allegri cambia
Juventus-Barcellona, Buffon risponde a Rakitic: "Io a centrocampo? Meglio di no"
Champions League: le qualificate, i verdetti, la situazione
Rakitic si inchina a Buffon: "Una leggenda, lo manderei a Russia 2018 al posto mio"
Ricetta Pjanic: "Impediamo al Barcellona di giocare come sa"
Valverde teme la Juventus: "Sono molto forti in casa ed hanno necessità di vincere"
Affaticamento per Bernardeschi: niente Juventus-Barcellona
Calciomercato Roma, Liverpool su Emerson: anche la Juventus ci pensa
Barcellona, Jordi Alba a Buffon: “Il migliore della storia, gli chiederò la maglia”
Allegri striglia la Juventus e pensa al cambio modulo: si passa al 4-3-3?
Deulofeu non dimentica: "Il Milan mi ha dato tutto, voglio battere la Juventus"
Sezione Juventus News
Juve
Altre news Juventus
Notizie in Italiano
Juve Tuttosport.com
Juve Gianlucadimarzio.com
Juve Sportmediaset.it
Juve Yahoo! Notizie
Juve Eurosport
Juve La Stampa.it
Juve Televideo.rai.it
Juve it.UEFA.com

News in English
Juve Google News
Juve Yahoo! News
Juve SkySports.com
Juve Juve Football Italia
Juve UEFA.com
Sezione Juventus News
Juve
Fanzone
Juve Sondaggi
Juve Test Juventinometrici
Juve Quiz storia Juventus
Juve Indice di gradimento
Juve Video Juventus e calcio
Juve Meteo Torino
Juve Meteo Vinovo
Juve Meteo prossima gara Juve
Juve Live score - Risultati in diretta
Juve Vignette di Buongiorno
Juve Vignette di Zucaro
Juve Vignette di Steve
Juve Vignette di Bonarober
Juve Vignette di Wiggum
Juve Wallpapers di Buongiorno
Juve Wallpapers di Steve
Juve Wallpapers di Wiggum
Juve Download inni non ufficiali
Juve Tweet di Juve e giocatori
Accedi alla fanzone
Juve
Juworld.NET è un sito non ufficiale, non autorizzato da o connesso a Juventus FC Spa.
I marchi Juventus e Juve ed il logo Juventus sono di proprietà esclusiva di Juventus FC Spa.
Il link ai siti esterni non implica riconoscimento da parte di Juworld.NET.
Copyright © 2001-2017 Juworld.NET - E' vietata qualsiasi riproduzione parziale o completa se non autorizzata.
Informativa cookies